Stili: archivio di tutti gli articoli

Speciale Shabby chic per l’arredamento degli interni della casa per mobili, cucine e tende

Cosa vuol dire in Italiano e come si caratterizza questo stile di arredamento

Arredamento shabby chic: un tripudio di stampe fiorite, accessori romantici, mobili dal gusto vintage, pizzi e colori chiari: questo stile di arredamento ci ricorda la casa rustica tipicamente provenzale con influenze British.

La scelta di arredare una casa in questo stile è una scelta intelligente per chi ama il decor delicato, i mobili rustici, gli ambienti ricchi di personalità e di femminilità.


Eccovi la nostra guida completa per orientarvi in questa scelta di arredamento.

Cosa vuol dire Shabby chic in italiano

Letteralmente vuol dire un’eleganza (chic) che sia però trasandata, logora, “Shabby” in inglese. Ma vediamo come si caratterizza questo stile.

Come definire lo stile shabby chic?

La decorazione Shabby Chic è caratterizzata da ambienti molto luminosi, un’atmosfera romantica e un tocco vintage.

Sono da preferire i mobili antichi in legno con effetto consumato. Il bianco è ampiamente utilizzato con alcuni colori tenui come il rosa cipria o l’azzurro pastello.

Shabby significa  quindi abbinare mobili retro, complementi d’arredo vintage e accessori di tutte le epoche.


Si tratta di una scelta di arredamento relativamente economica che lascia tanto spazio alla creatività e al riutilizzo.

  • Per arredare una casa totalmente Shabby è consigliabile focalizzarsi sui vari ambienti e sull’armonia dell’arredamento, con alcuni dettagli chiave che si richiamano da una stanza all’altra e rendono omogeneo lo stile generale.
  • Un’idea potrebbe essere, ad esempio, l’utilizzo di materiali simili in tutta l’abitazione, come un letto in ferro battuto o il legno decapato o mantenuto delabré
  • Anche una palette di colori strategica è un’ottima idea, soprattutto se si usa lo stesso colore di base per ogni spazio – il bianco panna, per esempio – e una serie di altri colori per gli accenti declinati di stanza in stanza.

Quali colori si usano per lo shabby chic?

Prevedete un colore bianco come sfondo per la casa, su cui far risaltare dettagli in colori pastello, ma anche una palette colori con nuance polverose come il rosa antico, il lavanda e l’azzurro carta da zucchero.

Potete anche dipingere gli infissi in bianco opaco, porte comprese, magari lasciando in evidenza le venature del legno.



Un perlinato dipinto di bianco è un’altra idea per coprire le pareti, specialmente se alcune non hanno una bella finitura

Scegliete poi un unico filo conduttore, un colore-guida, su cui declinare gli accessori e alcuni pezzi, che faranno capolino tra i mobili più importanti.

Che materiali usare per lo Shabby Chic

Questo stile richiede veramente poco investimento per i mobili. Dovranno essere solidi, dalle linee retrò, meglio se vecchi, e potranno essere lasciati grezzi o reinventati dipingendoli di bianco. Prediligete finiture rustiche.

I materiali migliori sono:

  • legno lasciato al naturale, dipinto di bianco o decapato
  • zinco e fil di ferro
  • vimini

Fanno molto arredo shabby materiali come il vimini e il legno, sia al naturale che bianco, e il ferro battuto. Usateli per i mobili, anche convertendo a nuovi usi alcuni pezzi trovati in soffitta. Un letto in ferro potrà diventare un comodo divano, ricco di cuscini.

Potrete cambiare look ai vostri arredi per renderli più adatti alla vostra personalità semplicemente ridipingendoli in colori chiari o cambiando maniglie e altri elementi, o aggiungendo decori in tessuto.


Pavimenti in vecchie assi di legno inchiodate sono da preferire al moderno parquet prefinito, oppure un rivestimento in micro-cemento lasciato grezzo e oliato darà una patina antica e semplice anche alla casa più moderna.

Potete anche scegliere lastre di pietra a spacco, ardesia o grosse piastrelle con una finitura il più possibile grezza e colori chiari.

Vediamo ora i nostri consigli per arredare i diversi ambienti della casa in questo stile.

Suggerimento: se amate questo stile alla follia, perchè non pensare anche ad un matrimonio shabby? eccovi la guida pratica con idee e spunti.

Come arredare una casa shabby chic

Lo stile shabby può essere applicato in ogni ambiente della casa, dalla cucina fino al bagno, senza dimenticare le camere da letto e gli ambienti esterni.

Cominciamo dalla zona giorno che  comprende cucina, soggiorno e zona relax.

La cucina

Zona giorno shabby chic

  • Una cucina shabby è davvero deliziosa da vedere: il colore dominante è il bianco, il materiale il legno, con dettagli a quadrettini vichy o in colori confetto come ad esempio il colore indaco.
  • Ricorda le cucine di una volta: ricche di utensili a vista, con dettagli in fil di ferro o in vimini e tessili a fiori
  • Considera anche vecchie piattaie e cassette per riporre le cose. Sono meglio pensili a giorno di quelli chiusi, eprché fanno più vissuto.
  • Per gli accessori, spazio a materiali di una volta come scatole in latta stagnata o in metallo (per esempio la classica brocca bianca dal bordo blu) e stoviglie in ceramica bianca anche scompagnate. Ammesse perfino quelle sbrecciate!

Il tavolo sarà sicuramente protagonista, accompagnato da sedie in paglia di Vienna o in ferro e legno, anche spaiate, ma sempre con morbidi cuscini a fiori e nastrini di cotone.

Per una cucina shabby meglio optare per il bianco con finitura anche a doghe e top in legno. Riservare il metallo ad alcuni dettagli come le maniglie e le étagère.


Potete optare per pensili a giorno in cui esporre le stoviglie o vecchie vetrine. L’importante è creare un’atmosfera accogliente.

La zona pranzo potrebbe avere un tavolo di legno, di quelli di campagna con piano in marmo. Pensate a delle vecchie sedie di recupero, oppure in lamiera zincata. Potete dare un tocco più british un divanetto in vimini con cuscini e materassini.

Il tocco in più può essere ricercato nella preparazione della tavola shabby, con tovaglie a righe o a fiori, bicchieri di vetro colorato anche scompagnati, e un centrotavola di effetto come gabbiette di metallo bianche o composizioni di fiori secchi.

Consiglio: non perdetevi lo speciale sulle cucine shabby.

Il soggiorno e living

Grazie alla presenza del bianco e delle tonalità chiare, la zona giorno shabby è molto luminosa e ariosa.E’ uno stile molto femminile e  romantico. Il soggiorno sarà ricco di charme e personalità, caldo e confortevole: un ambiente confortevole e piacevole da abitare.

Arredare un soggiorno in maniera shabby sembra la cosa più semplice del mondo, vero? Eppure non è così: anche per un arredamento di tipo mix and match, come lo stile shabby, è importante seguire alcune dritte che assicurano un risultato perfetto.


Il soggiorno shabby chic prende vita a partire dai mobili. Meglio partire da alcuni pezzi-base in bianco. Largo ai vecchi mobili della nonna, meglio se ridipinti. Anche il vintage è perfetto. Si possono scovare pezzi nei mercatini delle pulci o in qualche svendita.

Vecchie credenze, mobili da bar, chandelier della zia, macchine da cucire riconvertite, scale a pioli, secchi e bauli e ceste possono essere nuovi interessanti mobili d’appoggio e tavolini da caffè. Devono sempre avere qualcosa di rustico, dal sapore vintage.

Anche lato décor bisogna stare attenti. L’essenziale sarà evitare l’eccesso di fiori e pizzi. Meglio quindi un copridivano stampato, puntando su cuscini a tinta unita, oppure lasciare il divano a tinta unita e poi sbizzarrirsi con i cuscini.

Tutto andrà bene, purché abbia quell’aspetto vintage che tanto piace agli appassionati di shabby.

Lo stesso vale per gli altri mobili: dalle poltroncine di foggia romantica, anche un po’ sfondate, alla libreria retrò. Sempre lasciando spazio e respiro all’ambiente. Vecchi libri, coppe, portaoggetti ricavati da vecchi giocattoli, tutto quello che fà ‘recupero’ sarà il benvenuto.

Infine, i tessuti saranno molto importanti nel soggiorno shabby: le fibre naturali come la lana, il cotone ruvido e il lino naturale, la iuta e la canapa contribuiranno a dare quel tocco rustico. Evitate invece il chintz e i tessuti a fiori che fanno solo vecchia signora di campagna.

Eccovi il nostro speciale  in generale dedicato proprio ai mobili shabby.


La zona notte

Anche la camera sarà un piccolo regno luminoso che ospiterà mobili vintage dalle tinte pastello, tanto legno, ferro battuto e accessori particolari. Il classico letto shabby è un letto morbido, pieno di cuscini.

Camera shabby chic

Per la camera si possono scegliere complementi di arredo e oggetti dal sapore antico, oltre ad accessori di seconda mano che si possono riadattare in base alle proprie preferenze.

I colori chiari renderanno il tutto romantico e arioso, mentre delle tende alle finestre contribuiranno a dare una luce soffusa e dolce all’ambiente.

Il bagno

Lo stile shabby conquista il bagno e, in questo caso, l’atmosfera rurale si legge nella scelta degli arredi. Un consiglio può essere quello di riscoprire la pietra, da inserire nel lavandino magari recuperando antichi pezzi.

Meglio evitare i rivestimenti di piastrelle (oppure secgliere piastrelle bianche e nere) e preferire anche qui un vecchio pavimento in legno.

Vecchi cassettoni e scrivanie, tavolini e bauli possono essere facilmente riconvertiti in mobili per contenere il lavabo. Largo quindi al fai-da-te e al recupero!

Il bagno sarà shabby quando associa al legno supporti in metallo anticato, che possono essere impiegati sia per gli accessori come il porta-sapone e il porta-spazzolino, sia per  elementi d’arredo come lo specchio e le applique.


Eccovi il nostro speciale dedicato: bagno shabby

I complementi d’arredo shabby chic

Sono la vera chiave di volta, perché permettono di rendere più affine ogni ambiente della casa e di costruire, passo dopo passo, un’atmosfera personale e ben riconoscibile.

Il vintage è la parola d’ordine: largo a vecchie brocche, insegne di negozi, placche in metallo e orologi, quadri con stampe a tema botanico, specchiere anticate in legno dal gusto barocco, ma stemperato da una mano di bianco, e foto con una semplice cornice in legno grezzo.

Gli accessori e i complementi d’arredo faranno la loro parte:

  • lampade vintage
  • quadri con stampe particolari
  • rose secche in alti vasi di vetro
  • candele e candelabri in ferro stinto, non lucido
  • tende di garza di lino bianco o di cotone, anche a fiori o arigoni

Eccovi alcuni suggerimenti:

L’ultimo tocco di classe? Fiori freschi e secchi, potpourri ovunque, per una sensazione di antico e semplice ancora maggiore.

I tessili shabby

Lo stile shabby richiede molta attenzione per i tessuti. La scelta può ricadere su quelli naturali in fibre grezze come juta e lino, e in fantasie a quadretti vichy, perfetti per richiamare lo stile campagnolo.

La scelta delle tende deve essere adeguata all’atmosfera rilassata e semplice. Preferite anche in questo caso fantasie delicate e tessuti naturali, che ricadono bene e non sono troppo ‘ricchi’ come la seta o il velluto. Ancora una volta, questo stile si distingue per essere semplice e risparmioso.


Eccovi il nostro speciale dedicato proprio alle tende shabby.

Cosa è meglio evitare

Troppi accessori e decorazioni eccessive, infatti, sono la morte dello shabby — e portano invece a un clutter chic, se mi permettete il giro di parole, ovvero a uno stile confusionario senza capo né coda.

Anche quando si tratta di shabby chic il troppo stroppia, una stanza arredata interamente in questo stile rischia di apparire claustrofobica, meglio lasciare la possibilità di respiro e di un movimento visivo, senza ammassare mobili e accessori.

Tessuti con stampe a fiori, pizzo e complementi d’arredo vintage sono già abbastanza, meglio lasciare il bianco sporco, come colore di base.

Q&A: le vostre domande

Ed ora cercheremo di rispondere alle domande che ci avete inviato.

Dove comprare mobili shabby Chic?

Andare per mercatini, setacciare la soffitta della nonna, o passare tempo sui siti di aste e vendite di usato è un buon modo, economico e divertente di arredare la casa shabby.

E la casa può diventare ancor più stilosa cercando i giusti accessori, che potete trovare in stile shabby ad esempio su siti come Zalando Privé, piattaforma di vendite private di arredamento che declina l’home decoration in tanti stili e vi offritrà spunti deliziosi per arredare la casa in vero stile shabby chic.

Abbiamo anche selezionato per voi alcuni produttori di mobili in questo stile, li trovate qui.


Come rendere i mobili shabby chic?

Il modo migliore per ottenere un look shabby chic è utilizzare mobili in legno e qualche mano di vernice a polvere Rust-Oleum.

Dipingete l’intero mobile di bianco e lasciatelo asciugare. Con un panno umido, strofinare la vernice per far risaltare il colore di fondo in alcune aree. Insistete sugli angoli e sui bordi dei mobili per un effetto più naturale.

Potete anche farlo fare da artigiani specializzati, in gergo si dice “shabbare” i mobili.

Il costo varia molto ovviamente dalle dimensioni e dai materiali utilizzati sino ad arrivare anche a qualche centinaia di euro.

Altri stili di arredamento consigliati

Suggerimento: molte persone che apprezzano lo stile shabby amano molto anche l’arredamento provenzale. Eccovi altri approfondimenti da leggere:

Kiwani Dolean

Web Content Specialist. Writer. Avid Reader. Life Lover. Passionate about Design, High Tech, Arts. Living in a Sweet Pink World {with Occasional Glitter}.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button