Consigli per pulire e mantenere al meglio la vostra casa

Simboli raccolta differenziata: saperli conoscere ed interpretare

La guida pratica per una corretta gestione dei rifiuti

Speciale simboli raccolta differenziata, tutto quello che dovete sapere per effettuarla al meglio.


Una scelta inderogabile

Per gestire correttamente le operazioni di raccolta differenziata dei rifiuti, è fondamentale conoscere e saper interpretare nella maniera corretta i simboli distintivi.

Li troviamo sia sui contenitori della raccolta stessa che direttamente sulle confezioni dei singoli prodotti (contenitori, involucri, imballaggi…).

Infatti, per legge, ogni packaging deve riportare l’apposito simbolo di riconoscimento del materiale di cui è composto.

Pertanto, per una corretta ed efficace raccolta differenziata, è quindi molto importante saper riconoscere e soprattutto comprendere il significato di tali simboli.

In questo articolo proponiamo una guida pratica sui simboli identificativi dei materiali più comuni nonché la loro destinazione nelle operazioni di raccolta differenziata.

Non avremo quindi più dubbi e saremo in grado di capire come suddividere i vari tipi di rifiuti nella pattumiera differenziata.


Simboli raccolta differenziata: i contenitori

Le varie città personalizzano simboli e colorazioni dei contenitori per la raccolta differenziata.

I colori utilizzati sono:

  • blu per la carta
  • giallo per la plastica riciclabile
  • color turchese per i metalli (alluminio e acciaio)
  • verde per il vetro
  • marrone per l’umido organico

Spesso, su bidoni e cassonetti, è possibile anche trovare i simboli specifici (che vedremo più avanti), illustrazioni semplificate dei rifiuti più comuni ed una breve lista.



bidoni raccolta differenziata
i 5 colori per i rispettivi materiali

Come riconoscere i simboli per la raccolta della differenziata?

Per la corretta gestione dei rifiuti, è ancora più importante saper riconoscere e contraddistinguere i simboli riportati sulle singole confezioni che specificano il materiale con cui sono prodotte le stesse.

Il simbolo del triangolo con le tre frecce, contenente al suo interno un numero e sotto una sigla, attesta in maniera univoca la possibilità di riciclare i materiali. Non perdetevi

Simbolo raccolta differenziata

La sola presenza del simbolo senza il numero, invece, non è garanzia della possibilità di recupero.

Simbolo generico


Vediamo ora quali sono i simboli degli imballi con cui ci imbattiamo più di frequente.

ACC

Il simbolo della banda stagnata, il comune lamierino d’acciaio finissimo, sta ad indicare le lattine. Nei simboli della raccolta differenziata si identifica con il marchio FE all’interno del triangolo con le frecce contrassegnato dal numero 40.

AL

Il simbolo dell’alluminio. Nei simboli della raccolta differenziata lo si trova all’interno del triangolo con le frecce contrassegnato dal numero 41. Tipologia rifiuto lattine.

CA

Il simbolo del cartone poliaccoppiato ovvero prodotto con presenza di altri materiali oltre a quello cartaceo. Un esempio classico è il tetrapak (cartone del latte e dei succhi di frutta). Costituisce uno dei pochi rifiuti composti riciclabili assieme alla carta ed identificati con il marchio CA all’interno dell’esagono. Tipologia rifiuto carta.

PE

Questo simbolo identifica il polietilene che, a seconda del tipo di prodotto, può essere ad alta densità (HDPE) o bassa densità (LDPE o PELD). Nei simboli della differenziata lo si trova all’interno del triangolo con le frecce contrassegnato dai numeri 2 (HDPE) o 4 (LDPE). Tipologia rifiuto plastica.

PET

Tipologia rifiuto plastica. Questa sigla indica il polietilene tereftalato. Nei simboli della raccolta differenziata lo si trova all’interno del triangolo con le frecce contrassegnato dal numero 1.

PI

Secco o indifferenziato. Questo simbolo, molto generico, sta a identificare tutti i materiali poliaccoppiati che non possono essere destinati alla raccolta differenziata.

PP

Tipologia rifiuto: plastica. Questa sigla indica il polipropilene e, nei simboli della differenziata, lo troviamo all’interno del triangolo con le frecce contrassegnato dal numero 5.

PS

È il simbolo del polistirolo. Nei simboli raccolta differenziata lo si trova all’interno del triangolo con le frecce contrassegnato dal numero 6. Tipologia rifiuto: plastica.


PVC

Il simbolo del polivinilcloruro, sempre plastica. Nei simboli della raccolta differenziata lo si trova all’interno del triangolo con le frecce ed il numero 3.

VE

Il simbolo del vetro. Per la differenziata lo si identifica con il marchio GL all’interno del triangolo con le frecce contrassegnato dai numeri 70 – 71 – 72.

Simboli raccolta differenziata omino con cestino

In maniera molto generica, l’omino con cestino sta ad indicare che l’imballaggio non deve essere disperso nell’ambiente dopo l’uso. Lo scopo è principalmente quello di incoraggiare ad uno smaltimento responsabile.  logo raccolta differenziata

Simboli raccolta differenziata: plastica

Passiamo ora ai simboli che contraddistinguono i materiali plastici destinati al rifiuto:

  • PET
  • HDPE
  • PE
  • PVC
  • PP
  • PS
  • LDPE

Tali diciture, accompagnate da un numero compreso tra 1 e 6, indicano imballaggi in plastica riciclabile.

Attenzione invece al simbolo con il triangolino accompagnato dal numero 07 perché indica tutte le plastiche che NON possono essere riciclate e che quindi, come tali, sono destinate ai contenitori del rifiuto secco o non riciclabile.

Simboli raccolta differenziata: carta

La carta è uno dei rifiuti che ha la più elevata possibilità di riciclo.

I simboli triangolari sui prodotti di carta idonei ad essere gettati nei contenitori per la raccolta differenziata portano la numerazione dal 20 al 22, per poi proseguire fino al 40 per quelli non idonei. Il simbolo PAP 21, ad esempio, identifica il cartone ondulato; il PAP 22, invece, indica carta semplice, come quella dei giornali.

La sigla C/PAP (84) indica il Tetra Pak, che va buttato nella carta o nella plastica a seconda delle disposizioni del proprio Comune, dopo aver separato la confezione dal tappo in plastica.


Simboli raccolta differenziata: vetro e alluminio

Vetro e alluminio sono riciclabili al 100%. Per questo, è molto importante fare estrema attenzione a non mischiare il vetro con parti di ceramica o altri materiali apparentemente simili perché risulterebbero dannosi ai processi di riconversione.

  • ALU 41 è il simbolo dell’alluminio
  • FE40 indica il ferro destinato al recupero
  • GL70 è il vetro trasparente
  • GL71 è il vetro di colore verde
  • GL72 è il vetro color marrone

In pratica, gli imballaggi da conferire con il metallo sono quelli contraddistinti dalle sigle ALU (41), come le lattine delle bibite e FE (40), come le scatolette di tonno.

Da riciclare con il vetro, sono invece, gli imballaggi con l’indicazione GL.

Simboli raccolta differenziata frecce

Il simbolo per il riciclo dei materiali – il cosiddetto “ciclo di mobius” – è composto da tre frecce che formano un triangolo. Tale segno rappresenta la riciclabilità, ovvero che il prodotto è riciclabile.

ciclo di mobius

Simboli raccolta differenziata 7

Il simbolo del triangolino con la cifra 07 indica tutte le plastiche non riciclabili e che quindi vanno gettate nei contenitori del rifiuto secco o non riciclabile.

Concludiamo questa guida pratica con una precisazione molto importante. Oltre a leggere l’etichetta, è sempre bene controllare le specifiche indicazioni del proprio Comune perché, per alcuni materiali, possono essere in vigore modalità di raccolta specifiche proprie del territorio e che differiscono rispetto a quanto riportato sulle varie confezioni.

Rifiuti, raccolta differenziata e riciclo

Sull’argomento, ecco altre guide utili:

Guida ai simboli dei principali elettrodomestici

Ed infine, sempre per rimanere in termini di simboli:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button