Finestre

Come scegliere la finestra. Guida ai serramenti 

Tutte le caratteristiche da valutare per scegliere i serramenti più adatti alle vostre esigenze

Come scegliere la finestra: speciale Guida ai serramenti. La scelta dei serramenti è un’operazione fondamentale nella progettazione termica degli edifici, sia in caso di realizzazione di nuovi edifici che in quello di riqualificazione energetica.

In commercio ne esistono numerose tipologie.


In base al proprio stile e alle proprie esigenze pratiche e funzionali, ognuno deve individuare i serramenti che meglio rispondono alle proprie necessità.

Senza dimenticare il discorso materiali. I più utilizzati sono legno, alluminio e PVC. Ognuno con caratteristiche proprie, con conseguenti vantaggi e svantaggi.

Per aiutarvi nella scelta dei serramenti, abbiamo stilato una guida dove analizziamo tutti i parametri da considerare in modo accorto e razionale, oltre che ovviamente seguendo i gusti personali.

Serramenti: le caratteristiche da considerare

I serramenti svolgono un ruolo fondamentale per quanto riguarda il comfort degli ambienti interni. Devono infatti soddisfare una serie di requisiti legati a vari aspetti. Vediamoli nello specifico.

Illuminazione

È uno dei fattori principali da tenere in considerazione. È infatti fondamentale che i vari ambienti della casa godano di una buona illuminazione studiata in virtù della loro funzione.


Tenuta alle intemperie

Un buon serramento deve proteggere l’ambiente interno e i suoi abitanti dagli agenti atmosferici come pioggia, vento, neve ed anche l’eccessivo soleggiamento.

Isolamento termico

Consente di ottenere un risparmio energetico con conseguente riduzione di costi di riscaldamento e condizionamento. Dei validi serramenti devono evitare la formazione di ponti termici, causa principale delle dispersioni di calore.

I requisiti per l’isolamento termico sono stabiliti per legge e, in Italia, a causa delle diverse varietà climatiche, variano da regione a regione.



Gli elementi che permettono di individuare le proprietà isolanti di un infisso sono le guarnizioni, di solito due.
Per essere considerati isolanti, i serramenti devono possedere un coefficiente di trasmittanza termica (Uw) pari a 2,0 [W/mq K] in modo da poter essere utilizzato in tutte le zone climatiche, nel rispetto del D. lgs. 311/2006.

Ventilazione

Fattore che contribuisce al raggiungimento del comfort abitativo migliorando la salubrità dell’ambiente. Una buona ventilazione garantisce:

  • il ricambio d’aria per riossigenare gli interni
  • l’allontanamento dell’anidride carbonica prodotta dell’uomo e dell’eventuale ossido di carbonio generato dalla combustione
  • la diluizione di odori
  • la diminuzione dell’umidità per evitare condensa e formazione di muffe

Isolamento acustico

Parametro molto importante soprattutto se si abita in grandi città o in contesti molto rumorosi (nelle vicinanze di ferrovie, aeroporti, industrie etc…)

Il grado di isolamento acustico dei serramenti dipende:

  • dal tipo di vetro installato (semplice, con singola o doppia vetrocamera)
  • dal numero di guarnizioni
  • dalla corretta posa in opera

I serramenti che garantiscono un buon isolamento acustico hanno la certificazione UNI-EN 12207. Infissi di classe 3 o 4 hanno buone guarnizioni in EPDM o in PVC, di conseguenza un alto potere isolante.

Resistenza meccanica

I serramenti devono resistere alle varie sollecitazioni, soprattutto a quelle provocate dagli agenti esterni come ad esempio il vento.


Sicurezza

Porte e finestre sono il principale punto d’accesso per ladri e malintenzionati. I serramenti possono essere dotati di componenti antieffrazione, ovvero dispositivi di protezione che aumentano il grado di sicurezza degli infissi contro il fenomeno dei furti in appartamento.

Esistono diversi livelli di sicurezza determinati dal tipo di meccanismo di chiusura. Nel fattore sicurezza rientra anche l’utilizzo di vetri antisfondamento.

Estetica

Oltre che funzionali, i serramenti devono anche essere belli da vedere ed integrarsi in maniera armoniosa con il resto dell’arredamento. Materiali, forme, colori e finiture sono tutti elementi personalizzabili.

Manutenzione

È importante scegliere dei serramenti esterni duraturi nel tempo, che non richiedano frequenti lavori di manutenzione.

In fase di acquisto si devono valutare i seguenti aspetti:

  • superfici esterne in materiali resistenti alle intemperie
  • guarnizioni in EPDM o in PVC con grande memoria e alto potere elastico per resistere agli sbalzi termici
  • ferramenta di apertura e chiusura con leghe speciali

Buona cosa sarebbe, ogni anno, contattare un tecnico specializzato per effettuare un “check-up” dei serramenti.

Garanzia

Fortemente consigliato orientare la scelta dei serramenti su prodotti 100% Made in Italy e dotati di certificazione di prestazione e di marcatura CE, a norma di legge (normativa UNI EN 14351-1).

Serramenti: quali materiali scegliere

In commercio si trovano svariate tipologie di serramenti. I principali materiali utilizzati sono:

  • legno
  • alluminio
  • PVC
  • acciaio
  • materiali misti

Ogni tipologia offre caratteristiche differenti.
Di seguito analizziamo i vari materiali, con particolare attenzione a vantaggi e svantaggi di ciascuno di essi.


Serramenti in legno

Come scegliere la finestra: infisso in legno
Come scegliere la finestra: infisso in legno con doppio vetro

La tipologia più diffusa e che offre il miglior risultato estetico.

Il legno è un materiale vivo e pregiato, comporta un basso impatto ambientale ed offre un ottimo livello di trasmittanza termica. Presenta buone caratteristiche di durabilità, stabilità dimensionale in esercizio, resistenza meccanica e rigidezza.

Di contro, gli infissi in legno richiedono una manutenzione costante per preservarne al meglio vernice e materiale.
Le essenze più utilizzate sono larice, pino, abete, rovere, castagno, iroko, douglas, hemlock, pitch-pine e legni lamellari.

Guida ai serramenti in alluminio

Leggeri, versatili, con buone capacità di resistere alle intemperie e durevoli sotto più punti di vista. I serramenti in alluminio sono inoltre facili da gestire perchè richiedono poca manutenzione. L’esempio perfetto del loro utilizzo è nel settore commerciale (uffici, capannoni), ma è sempre più diffuso nell’edilizia privata moderna per la realizzazione di grandi vetrate.

Come scegliere la finestra: in alluminio
Come scegliere la finestra: infissi in alluminio

Il grande difetto dell’alluminio è la sua scarsa capacità isolante, sia dal punto di vista termico che acustico. I serramenti in alluminio sono poi soggetti alla formazione di muffe e condensa all’interno degli ambienti poichè la superficie esterna e quella interna sono a stretto contatto tra loro. Il materiale deve quindi essere combinato con un isolante collocato all’interno del profilo.

Adatti in ambienti arredati in stile minimalista, l’acquisto di serramenti in alluminio per una abitazione deve essere analizzato e valutato molto attentamente.

Serramenti in PVC

Introdotto sul mercato negli anni ‘50, il PVC si sta sempre più diffondendo nel campo degli infissi. Ottimo isolante termico, il suo pregio principale è quello di essere, rispetto a tutti gli altri materiali, il più economico.


Guida ai serramenti in pvc
Come scegliere la finestra, guida ai serramenti ed infissi in pvc

I serramenti in PVC sono personalizzabili con una vasta varietà di colorazioni anche effetto legno.
Per durare nel tempo il PVC deve essere di ottima qualità e certificato per il clima italiano (classe S).

Guida ai serramenti in acciaio

Sono adatti a ricoprire luci elevate, sono indeformabili e, con le opportune guarnizioni, assicurano una buona tenuta all’aria. Il maggiore difetto deriva dall’ossidazione del metallo. I serramenti in acciaio necessitano pertanto di opportuni trattamenti di protezione superficiale (protezione galvanica, cataforesi e zincatura).

Serramenti in materiali misti

È possibile accoppiare due o più materiali per sfruttare i vantaggi di ciascuno di essi ottenendo così un miglioramento delle prestazioni energetiche finali.

Gli accoppiamenti più frequenti sono:

  • Serramenti in legno-alluminio, uno dei sistemi più vantaggiosi dove i profili di alluminio sono usati all’esterno per sfruttarne la resistenza agli agenti atmosferici, mentre all’interno si preferisce il legno per la gradevolezza estetica
  • Serramenti in alluminio-PVC: un telaio in PVC con profili di alluminio. Il PVC ha il compito strutturale e di isolamento termico, l’alluminio protegge contro gli agenti esterni
  • Serramenti in legno-PVC: telaio in legno su cui sono fissati profili in pvc. I due profili sono tenuti insieme da un dispositivo a scatto così che il pvc possa dilatarsi indipendentemente dal legno

Guida ai serramenti: quali vetri scegliere

Altro elemento molto importante da tenere in considerazione nella scelta dei serramenti.

Esistono infatti diversi tipi di vetro utilizzabile per le finestre, ognuno con particolari proprietà vantaggiose per il risparmio energetico, l’isolamento termico e la protezione da agenti esterni.

Ecco le tipologie principali.

Vetrocamera: i doppi vetri

Materiale prefabbricato costituito da due lastre di vetro unite lungo il perimetro con un sigillante plastico, ma distanziate almeno di 4 mm, così da formare uno spazio d’aria da riempire con un gas ad alto potere isolante, termico e acustico.


Vetri basso-emissivi

Per il risparmio energetico, sono stati messi in commercio in conformità con la Normativa EN 673. Possono trattenere fino al 90% del calore di un locale evitando così la dispersione energetica. Consigliati nelle zone a clima particolarmente freddo.

Vetri fonoassorbenti

Hanno alto potere isolante dal punto di vista acustico. Indicati nelle zone molto trafficate e affacciate sulle strade di città.

Vetri assorbenti

Assorbono l’energia del calore e la rilasciano poco alla volta verso l’esterno, non permettendole così di passare all’interno. Perfetti nella stagione calda, non essendo riflettenti, sono idonei per le vetrate.

Vetri riflettenti

Rivestiti da una pellicola che respinge verso l’esterno l’energia del calore, sono adatti nelle aperture dei tetti (esempio, gli appartamenti mansardati).

Vetri blindati

Consigliati quando le dimensioni delle finestre superano i 150 cm di larghezza e sono così ad alto rischio di effrazioni. Ne esistono di due tipologie:

  • vetri di sicurezza accoppiati, costituiti da due lastre incollate insieme con una pellicola resistente allo strappo che tiene uniti i frammenti di vetro in caso di rottura
  • vetri di sicurezza temperati che, in caso di rottura, si disgregano in piccoli frammenti smussati e non taglienti

Prezzi

Il prezzo di un serramento varia da molti fattori: tipologia, materiale, lavorazione, colore, accessori, rifiniture, posa in opera, oltre che, ovviamente, dal tipo di garanzie e dall’azienda.
Le finestre in legno hanno costi variabili anche in base all’essenza prescelta. Il teak, ad esempio, è decisamente costoso.
Altrettanto costosi sono anche i serramenti misti.

Per dare un’idea di massima, possiamo fornire qui di seguito delle fasce indicative di prezzo basate esclusivamente sul tipo di materiale prescelto.

  • Serramenti in PVC: da 110,00 a 550,00 euro
  • Infissi in alluminio da 500,00 a 2.200,00 euro
  • Serramenti in legno da 480,00 a 1.200,00 euro

Per un preventivo realistico, Leroy Merlin dà la possibilità di simulare una configurazione degli infissi on-line. Selezionando parametri e caratteristiche in base alla propria necessità, si può ottenere un risultato molto vicino a quella che sarà la cifra necessaria.

Consiglio: in fase di preventivi, per fare un confronto di prezzo, vanno sempre accostati prodotti con le stesse caratteristiche tecniche.

Tutto su infissi e finestre

Sempre in tema infissi e finestre, ti possono interessare anche:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close