Come appendere i quadri alla parete: tutti i trucchi pratici e consigli

Come Appendere i quadri:  è un gioco da ragazzi, ma bisogna farlo seguendo le giuste accortezze.

Ecco una serie di consigli utili.

La guida

Devono essere presi in considerazione una serie di fattori: prendere un chiodo e un martello è semplicissimo, è vero, ma non garantisce un risultato perfetto.

come appendere i quadri

Come appendere i quadri seguendo poche semplici regole

Le pareti possono essere decorate con tanti oggetti ed elementi, ma ciò che conta è seguire uno stile definito, che si lega al buon gusto ma che, al contempo, rispetta la posizione dell’arredo e non crea ingombri in casa.




Ecco una serie di trucchi utili per imparare ad appendere i quadri correttamente e ottenere un risultato degno di una galleria d’arte.

Come appendere i quadri: la giusta posizione

Prima di piantare il chiodo è necessario considerare la posizione del quadro sulla parete.

Ci sono una serie di dritte da seguire per scegliere la posizione ottimale per un quadro.

La prima è sicuramente fare delle prove con il quadro, posizionandolo a mano nelle zone desiderate e valutando se l’effetto è gradevole.

  • Innanzitutto bisogna assicurarsi che la grandezza del quadro sia in armonia con la grandezza della parete.
  • Un quadro minuscolo in mezzo a una parete gigante stonerà, così come un grosso quadro in una piccola parete.
  • L’ideale è trovare il giusto equilibrio da entrambe le parti.

L’altezza ideale per appendere quadri è l’altezza degli occhi. Chi guarda si può sentire a proprio agio e la parete può essere personalizzata senza creare stacchi troppo intensi.




Appendere i quadri

Appendere i quadri è questione di stile

Quando si mette un quadro sopra un mobile è importante centrarlo, soprattutto se si tratta di un letto, di un divano o di un largo mobile orizzontale.

  • Sarà poi opportuno assicurarsi che il quadro non sia troppo lontano dal mobile in questione, in modo da non intralciare visivamente lo sguardo con uno spazio di muro vuoto eccessivo.

Considerate anche la stanza in cui state appendendo il quadro:

  • se si tratta della sala da pranzo, ad esempio, potete pensare di appenderlo un po’ più in basso, dove sarà apprezzabile anche da seduti.
  • Se invece è un corridoio o una zona di passaggio, andrà bene anche appeso più in alto.

Appendere più quadri su una parete

E’ importante decidere se dare la priorità ad un unico quadro oppure associarne più di uno. 

Bisogna ricordare che un quadro ha bisogno di spazio intorno a sé: questo permette all’osservatore di apprezzarlo meglio. Quanto spazio è necessario?




  • Bastano anche poche spanne di spazio libero ad ogni lato del quadro, non è certo necessario un metro quadro.
  • L’importante è che ci sia uno stacco fra il quadro e la parete.
appendere i quadri

Come appendere i quadri: importante lo studio delle misure della stanza

Se la parete disponibile si trova sulle scale, è ideale raggruppare i quadri piccoli per generare dei blocchi compatti:

  •  otticamente non si perdono
  • arredano la parete con cura, seguendo l’andamento della scala.

Niente giochi particolari di stile, ma una disposizione armoniosa verso l’alto, o la scelta di inserire i piccoli quadretti ad altezza scalino, per vivacizzare le scale e l’arredo in termini generali.

Dobbiamo cercare di creare una vera e propria armonia di colori quando ci sono più quadri nella stessa parete, soprattutto se lo spazio a disposizione è contenuto.

Diverso è il discorso se vogliamo contaminare gli stili, quindi associare quadri moderni e antichi e lavorare con creatività nella realizzazione di una parete estemporanea.




In questo caso le regole non valgono, ma è importante dimostrare che nessuna scelta è stata fatta a caso, quindi ripetere il gioco di esposizione in più ambienti della casa. 

Come appendere i quadri in pratica

Avete scelto la posizione ottimale? È il momento di appendere il quadro sul serio.

Per ricordarsi dove piantare il chiodo è sufficiente appoggiare il quadro alla parete nella posizione scelta e fare un piccolo segno sul muro con la matita dove andrà messo il chiodo.

Per appendere i quadri alla parete si può usare un classico chiodo (da scegliere in base alle dimensioni e al peso del quadro) o un gancio speciale da parete (che di solito viene fissato al muro tramite un foro dove verrà inserito un chiodo).

Se si ha a disposizione uno di quei gancetti di metallo appositi per quadri si possono tranquillamente utilizzare. Dal momento in cui vengono inseriti nella parete, hanno già l’angolazione giusta  e aiutano a sostenere meglio il quadro.




A proposito di quadri: ecco lo speciale sui quadri per camera da letto.

In alternativa, in commercio trovate soluzioni innovative che non prevedono l’utilizzo di chiodi e tengono saldamente fissato il quadro alla parete, come le Strisce Appendiquadri, in varie misure.

Anche un semplice chiodo però va bene.

  • Il chiodo va piantato con un angolo leggermente inclinato, di circa 45 gradi; questo piccolo trucco aiuta a fissarlo meglio e assicura una resa migliore rispetto a un chiodo piantato dritto nel muro.
  • Successivamente si potrà piantare il chiodo e procedere ad appendere il quadro: ecco fatto!

Ecco altre guide utili per arredare le tue pareti:

{ 0 comments }

KIWANI DOLEAN

TI E PIACIUTO L' ARTICOLO?

Lascia un commento

Risolvi il quiz *