Guida all’acquisto della migliore asciugatrice: modelli a condensazione classica, con pompa di calore e a evacuazione dei miglior modelli

Continuiamo il nostro percorso nella scelta degli elettrodomestici per arredare la vostra casa andando a scoprire i prezzi e le caratteristiche della miglior asciugatrice sul mercato.

Questo elettrodomestico è sempre più gettonato, in quanto le persone hanno sempre meno tempo a disposizione per fare il bucato.

Utilizzandola si riesce a dimezzare, anzi abbattere i tempi dell’asciugatura, e aiuta inoltre a stirare i capi in modo più semplice e veloce.

Ne esistono in commercio almeno 3 varianti:



  • a condensazione classica
  • condensazione mediante pompa di calore
  • e a evacuazione

Negli ultimi anni, il mercato delle asciugatrici è stato dominato dai modelli a condensazione. Tra queste, le asciugatrici dotate di pompe di calore sono caratterizzate da un basso consumo energetico. Gli altri modelli, a condensazione  classica o evacuazione hanno però un vantaggio: generalmente asciugano più velocemente.

Le analizzeremo insieme capendone i punti a favore e gli svantaggi anche delle soluzioni top o frontali per orientarvi meglio nella scelta.

A cosa serve

L’asciugatrice, detta anche “dryer” è un elettrodomestico che serve ad asciugare e in molti casi a togliere le pieghe ai capi appena lavati.

Un tempo erano appannaggio di pochi, in quanto presentavano un costo proibitivo e un volume decisamente ingombrante.

Molta strada è stata fatta da allora e l’asciugatrice ora è più economica e snella nella struttura.




I modelli di ultima generazione non si presentano dispendiosi e nemmeno inquinanti come in passato, prestano attenzione ai consumi e hanno notevolmente migliorato le loro performance.

Eccovi subito i nostri consigli per aiutarvi a scegliere.

Come scegliere una asciugatrice

La nostra guida completa alla scelta di questo elettrodomestico

Cosa valutare nella scelta

Ecco come scegliere il modello più adatto per voi, in base ad alcune caratteristiche strutturali e funzionali.

Modelli a condensazione con tubo di evacuazione

Non sono praticamente più disponibili sul mercato. In queste unità, l’aria calda carica di umidità viene evacuata verso l’ esterno attraverso un condotto di ventilazione.




E’ indispensabile quindi avere un’ apertura verso l’ esterno, in quanto il condotto non può essere collegato ad un circuito del condizionatore o allo scarico di una stufa a legna ad esempio.

Deve essere previsto uno spazio sufficiente, in quanto il tubo di scarico deve essere lungo almeno 1,20 metri e distare 30 centimetri da terra.

Vantaggi

  • La manutenzione è molto semplice, in quanto non è necessario svuotare l’acqua  o avere un condensatore per la pulizia.
  • Questo tipo di asciugatrice è generalmente più economico da acquistare.
  • I cicli sono più brevi rispetto a un sistema a pompa di calore.

Svantaggi

  • Deve essere disponibile un locale per accoglierla che abbia un condotto dedicato di ventilazione esterna.
  • Il consumo di energia elettrica è circa il doppio rispetto a quello di un modello con pompa di calore.

Asciugatrice a condensazione convenzionale

Le asciugatrici a condensazione non devono essere collegate all’ esterno, ma funzionano a circuito chiuso. L’ umidità estratta dal bucato viene condensata e raccolta in un vassoio, che deve essere svuotato dopo ogni utilizzo.

Vantaggi

  • Questi modelli non necessitano di un’ apertura nelle pareti, quindi possono essere utilizzati in appartamenti, purché la stanza sia ben ventilata.

Svantaggi

  • Sono più costosi da acquistare dei semplici dispositivi ad evacuazione.
  • Se il condensatore non funziona abbastanza bene, l’umidità potrebbe penetrare nell’ ambiente.
  • Il condensatore deve essere pulito regolarmente (secondo le raccomandazioni del produttore) per mantenere le prestazioni dell’apparecchio.

Asciugatrice a condensazione dotata di pompa di calore

La pompa di calore è sempre più utilizzata nelle asciugatrici a condensazione. Sostituisce la resistenza di riscaldamento, che consuma molta elettricità. Con questo processo, parte del calore recuperato dopo la condensazione dell’acqua può essere reindirizzato verso il tamburo.

E’ un sistema a circuito chiuso che recupera il calore e fa risparmiare energia.




Vantaggi

Questa tipologia consuma molta meno elettricità rispetto alle tradizionali asciugabiancheria a condensazione o a evacuazione.
Non necessitano di fori particolari ne muri e possono essere facilmente utilizzati in appartamenti.

Svantaggi

  • Il prezzo è generalmente superiore a quello di un semplice modello a condensazione.
  • I cicli di asciugatura sono generalmente più lunghi rispetto a quelli di un’ asciugatrice convenzionale a condensazione o ad evacuazione.
  • Se l’ unità non è dotata di condensatore autopulente, oltre al microfiltro solitamente posto sulla parte frontale, deve essere regolarmente pulito anche il condensatore stesso per mantenere le prestazioni di asciugatura (e quindi il basso consumo durante il funzionamento).

Ingombro e capacità

Innanzitutto l’asciugatrice deve possedere un ingombro ‘buono’, come una lavatrice quindi 60 cm X 60 cm X 45 cm.

In commercio esistono dei modelli più snelli, ma il prezzo è ancora molto alto.

Il carico varia dai 5 kg agli 8 kg, per cui la scelta deve essere messa in pratica sulla base delle reali necessità.

Se ad esempio si fa un lavoro che vi richiede cambi frequenti (ad esempio divise o se lavorate in cucina), il carico ideale potrebbe essere di 8 kg, come anche nel caso ci siano bambini o persone che tendono a cambiarsi frequentemente.




In media un modello con una capacità di sette chilogrammi è più che sufficiente per le esigenze di quasi tutti.

A carica frontale o top, dall’alto

Ci sono ancora alcuni modelli a caricamento dall’alto sul mercato.

  • Sono meno larghi, adatti per piccoli spazi, anche se questo è opinabile: dato che non è possibile accatastare la lavatrice e l’ asciugatrice, non c’ è alcuna garanzia di risparmio di spazio.
  • Si fatica inoltre per caricare e scaricare la macchina.
  • Attenzione, la capacità massima di questi modelli è spesso limitata a 6 kg.

Le asciugatrici a carico frontale hanno mediamente una larghezza di 15 cm in più rispetto a quelli top, ma possono essere sovrapposte su una lavatrice grazie ad un apposito kit. La loro capacità è compresa tra 7 e 9 kg.

Al momento dell’acquisto questi aspetti deve essere tenuto in considerazione, soprattutto se gli spazi abitativi sono ristretti e richiedono una buona disposizione degli elettrodomestici.

Il problema della condensazione

Attenzione comunque al problema della condensa, in quanto questo aspetto divide ancora l’opinione di fruitori ed esperti del settore.




  • Asciugando i capi, la macchina genera ovviamente vapore acqueo che è corrosivo e pericoloso.
  • Come abbiamo visto esso può essere espulso mediante una tubazione programmata oppure in una vaschetta raccogli acqua, che deve essere svuotata periodicamente.

Ecco che il tempo a disposizione e la volontà di mettere in pratica certe azioni devono essere prese in considerazione, a favore di una scelta rispetto all’altra.

Molti esperti consigliano ancora un sistema idraulico ben fatto, in collegamento con la lavatrice.

  • In questo modo ogni pensiero è fugato e l’asciugatrice si ‘arrangia’ ad espellere la condensa da sola.

Un buon modello deve comunque assicurare funzionalità nei comandi che devono essere chiari e precisi.

La classe energetica

Meglio orientarsi verso una classe energetica almeno  A+, in quanto per sua natura è un elettrodomestico che consuma parecchia energia. A tal fine, si può considerare la possibilità di un modello a gas, più costoso ma meno dispendioso nei consumi.

Che marca e modello di asciugatrice scegliere?

Consigliamo di orientarsi verso una marca conosciuta e affidabile.




  • Meglio spendere qualche denaro in più e contare sulla possibilità di un’assistenza presente e sulla disponibilità dei pezzi di ricambio.
  • Questo elettrodomestico può salvaguardare molto tempo e il suo impiego aiuta notevolmente i capi a mantenersi belli, soffici e senza pieghe.

La scelta deve rispettare le caratteristiche descritte in precedenza ma essendo ancora un elettrodomestico in evoluzione, ciò che nella realtà fa la differenza è ancora la qualità dei componenti, la loro struttura e, di conseguenza il prezzo finale.

Il consiglio è di non mirare al risparmio, per non incorrere in consumi energetici molto alti e nell’impossibilità di godere appieno di questo utile e intelligente elettrodomestico ‘salva tempo’.

Vediamo quindi le nostre scelte sui migliori modelli, dopo avervi presentato anche le migliori lavatrici per orientare l’acquisto e comprenderne le caratteristiche tecniche.

Asciugatrice Bosch Classe A: il modello WTY877H8IT

Al terzo posto nelle nostre scelta  incontriamo il modello Bosch WTY877H8IT.

  • Elettrodomestica in classe A++ che offre una capacità di carico fino a 8 kg, quindi molto capiente.
  • Presenta una rumorosità di 65 decibel, buona e nella media, in quanto questi elettrodomestici si rivelano in alcuni casi davvero molto rumorosi.
Asciugatrice Bosch

Bosch WTY877H8IT




Il costo di circa 900 euro si rivela equilibrato, in quanto la tecnologia Bosch è da sempre eccellente e il design dell’articolo si presenta semplice e funzionale all’inserimento domestico.

Stira e Asciuga di Stile

Dedicata a chi ha davvero poco tempo a disposizione, il modello Stira eAsciuga di Stile si presenta al secondo posto fra le nostre scelte..

Si tratta di un elemento che a prima vista può sembrare curioso, in quanto si presenta come una vera e propria cabina armadio dove all’interno vengono posizionati capi da asciugare, che quindi escono dal ciclo perfettamente asciutti e privi di pieghe.

Ecco le specifiche:

  • 9 kg di portata
  • si sviluppa in verticale
  • ha classe energetica  A.
Migliori asciugatrici: il modello Stira e Asciuga di Stile

il modello Stira e Asciuga di Stile




Il modello si rivela molto funzionale, in quanto è predisposto anche per essere posizionato sopra la lavatrice e quindi limitare gli ingombri.

Funziona a temperature variabili da 50° a 55° ed è completamente impostabile dal display dei comandi.

La stiratura viene ridotta del 80% e molti capi non devono neanche essere stirati in quanto si rivelano perfetti.

Grazie alla possibilità di appendere gli indumenti, i tessuti non vengono rovinati, anche i più delicati, perché non si crea strofinamento.

Il prezzo si rivela più che coerente, circa 500 euro a seconda dei canali di distribuzione.




Ariston: Hotpoint-Ariston AQC9 4F5 T/Z1

Al primo posto fra le nostre scelte  incontriamo il modello Hotpoint-Ariston AQC9 4F5 T/Z1 , un sistema in classe A-40% che presenta una capienza di ben 9 kg e una profondità di ben 60 cm.

La carica avviene dal davanti e il modello presenta un ottimo design, leggermente futuristico come tutti gli elettrodomestici di questa collezione.

Asciugatrice: la Hotpoint-Ariston AQC9 4F5 T:Z1

Hotpoint-Ariston AQC9 4F5 T:Z1

  • La ragione per cui abbiamo scelto questo modello come primo tra le migliori asciugatrici va ricercato nel fatto che garantisce la massima cura dei tessuti con i minori consumi energetici.
  • E’ inoltre possibile scegliere fra 7 livelli automatici d’asciugatura e anche il grado di umidità residua, evitando così il formarsi di pieghe e facilitando la stiratura.
  • Ecologica e dai bassi consumi, questo modello presenta un costo equilibrato di circa 500 euro.

Asciugatrice Whirlpool

Eccovi anche i modelli suggeriti della Whirlpool

Whirlpool HSCX 80423 Libera installazione Caricamento frontale 8kg A++ Bianco asciugatrice
Libera installazione
Caricamento frontale 8kg A++
Whirlpool AZA-HP7004 Asciugatrice
Classe energetica A
Scoprite qui tutte le offerte  Whirlpool su Amazon

Asciugatrice Miele

Eccovi alcune modelli anche Miele, marca di elettrodomestici fra le migliori in assoluto. Vi consigliamo anche il nostro speciale sulla lavatrice Miele.




Asciugatrice Electrolux

Passiamo in rassegna anche i  modelli di questa casa.

Electrolux RDH3874GDE Libera installazione Caricamento frontale 7kg A++ Bianco asciugatrice
Electrolux RDH3874GDE Libera installazione Caricamento frontale 7kg A++ Bianco
Eccovi tutte le offerte su Amazon per questo modello Electrolux: http://amzn.to/2jjuwY8

Asciugatrici Smeg

Questa marca propone un’ampia gamma con capacità di carico che varia dai 6 sino agli 8 Kg.

Tutti i modelli dispongono di programmi di asciugatura automatica grazie all’elettronica e al sensore di umidità.  Il sensore rileva quanta umidità è presente nei capi in funzione anche della quantità e dei materiali ed imposta la durata ottimale per avere la migliore asciugatura. Con questo processo si riducono notevolmente i consumi di energia elettrica.

Passando ai modelli vi segnaliamo una novità.

DHT38PLIT

Il modello a carica frontale DHT38PLIT, con 16 programmi  fra cui cotone Pronto Stiro, Cotone Extra Asciutto.

Fa parte della serie High Tech, bianca. Classe A+++ con anche opzione partenza differita fino a 24 ore, anti-piega e regolazione Asciugatura.




Smeg DHT38PLIT

Smeg DHT38PLIT

Le nostre considerazioni finali

La maggior parte dei modelli è dotata di  sensori elettronici che spengono automaticamente l’unità quando il bucato è asciutto.

Questo dispositivo consente all’ apparecchio di adattarsi ai carichi e ai programmi selezionati ed ormai i modelli di timer manuali sono diventati rari.

L’avvio ritardato, presente anche su quasi tutti gli essiccatori, è utile per  trovare il bucato appena asciugato dopo il lavoro.

Alcuni modelli hanno programmi dedicati molto utili per i tessuti più delicati ed interessanti sono anche quelli che dispongono di uno speciale cestello per asciugare le scarpe di lana e sportive.




Per le asciugatrici a tamburo a condensazione, la presenza di un kit di scarico diretto può evitare di dover svuotare il vassoio di condensazione ogni ciclo. Per chi è dotato del sistema a pompa di calore, il condensatore autopulente è un vantaggio assoluto: consente di risparmiare tempo e mantenere inalterate le prestazioni.

Altri fattori da tenere in considerazione sono l’ apertura della porta (180°, destra o sinistra) o la facilità di accesso alle parti da pulire (filtro, condensatore, serbatoio dell’acqua).

Per motivi di sicurezza, i produttori hanno dotato la maggior parte dei dispositivi di un pulsante di avvio che deve essere attivato dopo la programmazione e/o il bloccaggio (sicurezza per bambini).

Altri elettrodomestici utili

Eccovi invece altri articoli di approfondimenti su elettrodomestici utili per lavare in casa:

Outbrain
{ 0 comments }

ELENA

TI E PIACIUTO L' ARTICOLO?

Lascia un commento

Risolvi il quiz * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.