Arredare un salone in 5 mosse

salone

Un grande salone è il sogno di molti: si tratta, infatti, di uno spazio grande, nel quale poter esprimere la propria fantasia, coniugando estro ed eleganza.

E’ concesso scegliere i mobili con serenità, senza preoccuparsi dell’odioso centimetro in più che potrebbe compromettere irrimediabilmente un passaggio o rendere inaccessibile l’anta di una finestra. E’ addirittura possibile circondarsi di accessori, senza rischiare l’effetto bazar. Eppure, il pericolo di non creare un ambiente armonioso e studiato nei minimi dettagli è sempre dietro l’angolo, in agguato.

Ecco semplici 5 mosse da seguire per ottenere un salone di cui essere fieri!

1. Munitevi di foglio e matita.




Per iniziare, realizzate un progetto, disegnando le varie ipotesi su un semplice foglio a quadretti o, ancora meglio, di carta millimetrata. Avrete, così, un idea più chiara dell’effetto della disposizione dei mobili e della distribuzione degli spazi.

2. Sfogliate una cartella di colori pantone.

Le opzioni di scelta cromatica sono veramente infinite, non vi sarà agevole destreggiarvi fra i codici numerici che identificano i colori che vi serviranno, in primis, per dipingere le pareti, e, successivamente, per la scelta dei mobili e dei loro dettagli, quali ante e sedute, dei complementi d’arredo e degli accessori.

Per un prima scrematura, affidatevi al vostro gusto personale, puntando sulle nuances che amate. Poi valutate se  esse sono adatte all’ambiente che vi accingete ad arredare, per esempio se sono troppo cupe per una stanza scarsamente soleggiata o poco in sintonia con il pavimento. Ricordatevi che optare per colori neutri è sempre un’arma vincente, su di essi, infatti, potrete aggiungere tocchi vivaci di colore e, se vorrete, in futuro, conferire nuova vita al vostro salone, vi sarà sufficiente semplicemente cambiare accessori e componenti tessili, come cuscini e tendaggi.

3. Scegliete lo stile dominante.




Quel che si dice “l’imbarazzo della scelta”: moderno, minimal, classico, eco- friendly, shabby chic, country, provenzale, industriale, etnico, d’ispirazione giapponese? E potremmo ancora annoverare molti altri stili.

Optate per uno stile dominante, quello che è più affine alla vostra indole, ma che è anche più rispondente alle vostre esigenze e priorità. Tenete in considerazione, pertanto, gusto estetico, funzionalità e budget disponibile. Una volta operata tale selezione, non disdegnate l’inserimento di un mobile a contrasto, come una credenza bianca vintage o un tavolino etnico in un ambiente moderno.

soggiorno shabby chic2

 

4. Decidete quali mobili acquistare.




Siete a buon punto, ormai. Non vi resta che selezionare esattamente quali mobili comprare, vagliando preventivi e anche possibili sconti offerti sul web. Iniziate dall’acquisto dei pezzi fondamentali, quali il divano, la parete attrezzata o la credenza, la libreria, e, nel caso si preveda un’area pranzo, il tavolo e le sedie. Per il resto potete intervenire successivamente, con calma, scovando l’angoliera perfetta, la poltrona super confortevole, il tavolino di design, il piccolo scrittoio.

5. Sbizzarritevi con gli accessori.

Affinché il vostro salone abbia un’anima e sia accogliente e unico, non potranno mancare gli accessori. Questa è la fase che vi divertirà di più, perché potrete creare un ambiente che racconti di voi attraverso cuscini, lampade, specchi, stampe, quadri, lampadari e suppellettili vari.

Potete concedervi, a seconda dell’investimento che vi proponete, l’inserimento di un’opera d’arte o preferire riempire il carrello presso l’Ikea, con una spesa contenuta, o cimentarvi in una piacevole avventura e girare, in cerca del pezzo unico, per mercatini d’antiquariato.

 

{ 0 comments }

EMMA FENU

TI E PIACIUTO L' ARTICOLO?

Lascia un commento

Risolvi il quiz *