Guida alla pulizia del piano cottura in acciaio inox, vetro o a induzione

Tutto quello che dovete sapere su come pulire il piano cottura: per garantire lunga vita alla nostra cucina e per motivi di igiene è bene pulire il piano cottura ogni giorno perché lo sporco incrostato è più difficile da rimuovere.


I piani cottura delle cucine moderne possono essere di differenti materiali e di conseguenza vanno trattati con più o meno attenzione per non rovinarli: è sempre indicato usare panni morbidi e non grattare mai con la parte ruvida della spugna.

L’acciaio inox è il più delicato e richiede una pulizia costante, quello smaltato dispone di vari tipi di colori e finiture,


quello in vetro è il più facile da pulire perché il piano non si surriscalda e quindi eventuali schizzi non bruciano.

Nella scelta del detersivo è bene evitare prodotti abrasivi e se possibile scegliere detergenti neutri o prodotti naturali.

Come tenere sempre puliti e lucidi i fornelli della cucina.

Sporco fresco o incrostrato?

Se il piano cottura ha macchie di sporco fresco basta passare un panno imbevuto di detersivo su tutto il piano, risciacquare ed asciugare.

Invece se il piano ha macchie incrostate sarà necessario intervenire più a fondo: in questo caso bisogna versare sulle macchie acqua e detersivo (oppure acqua e bicarbonato) e lasciate in posa per 10 minuti prima di passare il panno umido.

Piano cottura in acciao: come pulirlo.

Come pulire il piano cottura in acciaio inox o satinato

Se il vostro piano cottura è in acciaio non usare mai nulla di abrasivo, cioè detersivi in polvere e pagliette metalliche e non usare prodotti che contengono cloro, acido o candeggina che potrebbero ossidare irreparabilmente l’acciaio.
Eccovi i consigli utili per pulire bene il piano cottura in acciaio:


  • asciugare sempre bene la superficie: se l’acciaio rimane a lungo contatto con l’acqua può ossidarsi;
  • pulire la superficie seguendo il verso della satinatura, e avendo poi cura di provvedere a un buon risciacquo;
  • per macchie di olio o grasso resistenti, usare prodotti a base di alcool oppure l’acetone: applicare poche gocce del prodotto direttamente sulla zona da trattare, strofinando con un panno pulito e non abrasivo.

Come coprire le macchie gialle sul piano in acciaio inox

Per togliere le macchie gialle che si vanno a formare sulle cucine in acciaio inossidabile è consigliato ricoprirle con ammoniaca e lasciarla agire.

Quando è asciutto lavare poi accuratamente con acqua e sapone, sciacquare, asciugate ed infine ungere con un filo d’olio.

Per pulire lacciaio usare panni morbidi che non graffiano.

Come pulire i piani di cottura in vetroceramica

La pulizia dei piani di cottura in vetroceramica risulta essere più semplice ma richiede alcuni accorgimenti. Prima di tutto bisogna ricordare che vanno evitati tutti gli strofinacci e le spugne abrasive perché potrebbero graffiarlo.

Evitare anche i detersivi troppo acidi perché essendo un materiale assorbente ne si rischia di togliere la lucentezza del vetro.

Attenzione anche agli aloni che si formano quando non si asciuga bene il piano dall’acqua: questo problema si risolve utilizzando poco detersivo e passando un panno asciutto sulla cucina dopo aver lavato.

Piano cottura in vetro.

Come pulire il piano cottura a induzione

Il piano liscio e lucido tipico del metodo di cottura ‘a induzione’ non ha bisogno della stessa manutenzione che serve ai normali fornelli a gas (pulizia dei componenti, foratura degli ugelli). La superficie omogenea ne permette una pulizia veloce anche perché il materiale organico che può cadere mentre si cucina non si può incrostare.

Per pulire correttamente il piano cottura a induzione, assicurarsi che le piastre siano spente: per la pulizia ordinaria è sufficiente pulire il piano cottura a induzione con un panno in microfibra inumidito di acqua distillata in modo che il calcare non lo macchi.


Per una pulizia più profonda del piano cottura, in caso di macchie di unto o residui di cibo incrostati utilizzare una soluzione di bicarbonato di sodio e aceto bianco e acqua fredda: il potere sgrassante dell’aceto rimuoverà ogni traccia di macchia.

Dopo asciugare con un panno di cotone che luciderà il piano.

Per maggiori dettagli vi rimando a questo approfondimento: guida alla pulizia del piano cottura ad induzione.

pulizia piano cottura ad induzione

come pulire Il piano cottura a induzione: il più facile.

Come pulire i fornelli

Questa operazione non va eseguita ogni giorno ma può esser fatta una volta a settimana.

  • Togliere i fornelli dal piano cottura e immergerli in acqua calda. Versarci dentro una tazza di aceto bianco per 15 minuti .
  • Pulire con un panno morbido e asciugare bene per evitare che questi arruginiscano.
  • Per una pulizia perfetta è necessario pulire bene tutti i fori con l’aiuto di uno stuzzicadenti.
  • Rimontare il tutto e lasciare accesa la fiamma per un po’ per esser certi di averli puliti correttamente e per assicurarvi del corretto funzionamento.
come pulire fornelli e griglie in ghisa

come pulire il piano cottura: Fornelli e griglie in ghisa.

Come pulire le griglie in ghisa

Immergere le griglie in acqua calda, aceto bianco e due cucchiai di detersivo per piatti. Lasciare le griglie in ammollo per un’ora.

Quindi prendere un limone aperto a metà e utilizzarlo sulla griglia come fosse una spugnetta. Sciacquare le griglie con acqua tiepida e asciugare per bene con un panno in cotone.

Se la griglia risulta opacizzata, versa dell’olio di oliva su un panno asciutto e passalo su tutta la superficie e con una spugnetta imbevuta con acqua e aceto eliminare ogni residuo di olio.


In caso di incrostazioni difficili da rimuovere, si può usare la tela abrasiva da utilizzare in due granature: una grana doppia per effetto disincrostante e quella sottile per lucidare la superficie.

Come pulire le griglie in acciaio

Si consiglia la pulizia della griglia in acciaio con aceto e alcool: basta immergere le griglie in acciaio nella bacinella contenente acqua molto calda con una tazza di aceto bianco e una tazza di alcool.

Dopo aver lasciato le griglie in ammollo per un’ora, con una paglietta di ferro si strofina aggiungendo bicarbonato in polvere asciutto, così da effettuare una leggera ma efficace abrasione.

Pulire la ruggine dai fornelli con la coca-cola

Per eliminare le macchie di ruggine dalla cucina si può versare della Coca-Cola sulla macchia e attendere qualche ore. La coca-cola infatti è risaputo essere acida e si comporta come un antiruggine.

come pulire il piano cottura: le manopole

come pulire il piano cottura: potete pulire le manipole con un vecchio spazzolino da denti.

Ancora più efficace se la usiamo quando il piano è caldo perché il calore agevola l’azione della coca cola.

In alternativa si può ricorrere a prodotti specifici antiruggine o per la pulizia di acciaio, ferro o ghisa.

Come togliere l’unto dalle manopole

Per togliere l’unto che si ferma intorno alle manopole dei fornelli usare uno spazzolino da denti vecchio imbevuto di acqua calda e sapone. Ogni tanto lavare in lavastoviglie le parti mobili dei fornelli: griglie, bruciatori.

Consiglio dagli chef

Proteggere il piano cottura con un foglio di alluminio: l’idea è rubata ai professionisti del settore.


I cuochi infatti sono soliti rivestire la cucina con fogli di alluminio per ottenere maggior calore e diffusione dello stesso ma anche per proteggere il piano dagli schizzi di unto.

come pulire il piano cottura

come pulire il piano cottura: un foglio di alluminio preventivo

Si può fare solo con la cucina a gas: l’alluminio, infatti è un ottimo conduttore e se ci fosse una minima dispersione elettrica, rischiereste di prendere accidentalmente la scossa.

Consigli finali

Ecco cosa  dovete assolutamente evitare quando si pulisce il piano cottura

  • Se il piano cottura è in acciaio o in vetroceramica, la candeggina è assolutamente vietata.
  • In caso di piano cottura è in acciaio fate attenzione ad usare la massima delicatezza per non lasciare graffi e passate acqua e aceto per lucidarlo.
  • Se piano è in vetroceramica va pulito subito dopo aver cucinato con l’uso di spugne morbide.
  • Le griglie in ghisa in lavastoviglie a causa del sale e del brillantante possono diventare opache o di colore non uniforme.
  • Non usare detergenti acidi sulla ghisa che è un materiale altamente poroso, e rischierebbe di rovinarsi.

Consigli per la scelta del modello più adatto

Ecco anche altre recensioni per scegliere il modello più adatto per le vostre esigenze in cucina.

{ 0 comments }

SCRIBIO

TI E PIACIUTO L' ARTICOLO?

Lascia un commento