Tutti i consigli su come fare la lavastoviglie correttamente e mantenerla al meglio risparmiando anche energia

Come fare la lavastoviglie: scopri consigli e suggerimenti su come caricare e organizzare la lavastoviglie in maniera efficiente e risparmiare sul consumo di energia elettrica.

La lavastoviglie è uno dei elettrodomestici più usati nella quotidianità, infatti, a causa dei ritmi frenetici della vita moderna è  essenziale sia per le famiglie, a prescindere dalla quantità dei suoi componenti, sia per i single.


E’, pertanto, fondamentale utilizzarla in modo corretto per ottimizzarne l’ attività e ottenere delle stoviglie perfettamente igienizzate.

Come fare la lavastoviglie

Come fare la lavastoviglie: un utilizzo corretto è importante per un ciclo di vita più lungo del vostro elettrodomestico

Un utilizzo efficiente della lavastoviglie consente, inoltre, di risparmiare  sul suo consumo di energia elettrica limitandone l’impatto ambientale.

Cosa non mettere nella lavastoviglie

Prima di scoprire come utilizzare al meglio la lavastoviglie è molto importante capire quali stoviglie non può lavare.

Come alcuni indumenti devono necessariamente essere lavati a mano, così anche alcuni tipi di piatti, bicchieri, posate, pentole e casseruole non possono essere lavati nella lavastoviglie per evitare che si danneggino.

Le stoviglie che devono sempre lavate a mano, sono:


  • bicchieri in cristallo o, comunque, delicati;
  • bicchieri con bordi lavorati in oro;
  • servizi in porcellana;
  • servizi  e utensili in legno ma anche servizi in peltro o argento;
  • posate con manico di corno, osso e legno;
  • brocche o bicchieri termici;
  • alcuni  tipi di pentole antiaderenti.

Prima, inoltre, di lavare in lavastoviglie i contenitori di plastica è una buona pratica verificare le istruzioni d’uso sulla confezione. Alcuni tipi di plastica sono sensibili al calore e un lavaggio ad alte temperature potrebbe deformarli.

Come fare la lavastoviglie: il programma più adatto alle tue esigenze

Quando si sceglie una lavastoviglie è consigliabile optare per i modelli che presentano vari programmi differenziati in modo da avere l’opportunità di utilizzare quello più consono alle vostre esigenze.

I programmi variano in base a temperatura, durata e acqua consumata, tra quelli più comuni presenti nella maggior parte delle lavastoviglie vi sono:

  • prelavaggio, utile quando i piatti sono particolarmente sporchi e incrostati per preparli al lavaggio vero e proprio
  • il ciclo a mezzo carico, da effettuare quando l’elettrodomestico non è pieno;
  • ciclo rapido, adatto a stoviglie non particolarmente sporche in quanto è di breve durata e la temperatura dell’acqua è bassa;
  • ciclo eco, prevede un lavaggio a bassa temperatura che dura però più a lungo rispetto ai lavaggi tradizionali, è l’ideale quando piatti e pentole non sono unti;
  • il ciclo normale e intensivo, rispettivamente da 60° e 90° gradi, devono essere utilizzati quando le stoviglie sono incrostate ed implicano un maggior consumo d’acqua e di elettricità;
  • ciclo autowash, è un programma che prevede l’autoregolamentazione dei consumi della lavastoviglie in base alla quantità e al livello di sporco delle stoviglie;
  • ciclo di risciacquo a freddo o caldo, è fondamentale per assicurarsi che i piatti non presentino residui di detersivo.

Consigli su come caricare la lavastoviglie

Dopo aver sciacquato in maniera accurata le stoviglie, arriva il momento di caricarle.

Questa attività è molto importante, infatti, dall’inserimento funzionale delle stoviglie dipende il loro corretto lavaggio, la loro integrità e la quantità di corrente elettrica consumata.

Le stoviglie, infatti, non devono essere inserite in maniera troppo ravvicinata per permettere ai getti d’acqua di raggiungere tutta la loro superficie e poterle pulire in profondità.

Come fare la lavastoviglie

Come fare la lavastoviglie: importante la disposizione corretta delle stoviglie

E’, inoltre, fondamentale mettere le stoviglie correttamente per evitare che possano danneggiarsi, sbattendo una contro l’altra.
Un caricamento razionale della stoviglie consente, inoltre, di ottimizzarne la capienza in modo da poter lavare più stoviglie possibili insieme risparmiando energia elettrica.

Lavastoviglie: come si fa?

Ecco, alcune regole generali da seguire:

  • inserite i piatti nello spazio inferiore con la parte interna rivolta verso il centro;
  • riponete tazze, bicchieri per l’acqua e contenitori nella parte superiore della lavastoviglie con la parte interna rivolta verso il basso, disponendoli con attenzione nei vari vani in modo che non possano muoversi durante il lavaggio;
  • i bicchieri a stelo lungo vanno, invece, posti nella parte inferiore dell’elettrodomestico vicino ai piatti;
  • inserite le posate nell’apposito cestello, ricordatevi che i coltelli devono avere il manico verso il basso in modo da non rischiare di ferirvi quando li estraete;
  • pentole, padelle, casseruole vanno poste sempre nel cestello inferiore.

Quali detersivi usare?

Al fine di garantire un corretto funzionamento della lavastoviglie e un’ottima igienizzazione delle proprie stoviglie è necessario utilizzare i giusti prodotti.


Se per lavare i piatti a mano è possibile utilizzare un solo detersivo, per lavarli in lavastoviglie è necessario utilizzare:

  • detersivo in tab dure, molli o liquido, per sgrassare e pulire;
  • brillantante per lucidare;
  • sale per preservare la lavastoviglie dalla formazione del calcare.

Oggi in commercio esistono molti detersivi per lavastoviglie 2 in 1 che combinano igienizzante e brillantante.

E’, inoltre, importante verificare sulla confezione del detersivo scelto la giusta dose da utilizzare in base al ciclo di lavaggio che deve effettuare.

Mini-guida su come risparmiare

L’utilizzo della lavastoviglie, purtroppo, incide decisamente sul costo della bolletta dell’energia elettrica, ma esistono alcuni semplici accorgimenti che possono consentire un buon risparmio, ecco i principali:

  • al momento dell’acquisto scegliete un elettrodomestico di classe a A+ o superiore dal ridotto consumo di energia e acqua;
  • usate la lavastoviglie sempre e solo a pieno carico, se siete single o in due e dopo il pranzo la lavastoviglie non è piena, aspettate la sera per inserirvi anche i piatti della cena;
  • evitate il prelavaggio ma sciacquate sempre prima i piatti a mano, se le padelle risultano particolarmente sporche e incrostate utilizzate, anche, del detersivo per piatti;
  • preferite i lavaggi economici, sono più rapidi, utilizzano acqua meno calda e il risultato è perfetto come quando si utilizzano lavaggi più aggressivi;
  • evitate l’asciugatura, una volta finito il ciclo di lavaggio lasciate lo sportello aperto e in meno di mezz’ora tutte le vostre stoviglie saranno asciutte e perfette da riporre nei mobili;
  • effettuate una manutenzione costante del filtro;
  • controllate sempre che vi sia il sale nell’apposito vano in modo da prevenire la formazione di calcare.

La manutenzione della lavastoviglie: semplici gesti per assicurarle una lunga vita

Al fine di prolungare la vita della lavastoviglie ed evitare problemi che necessitino l’intervento di un tecnico specializzato, è necessario seguire alcune facili indicazioni.

Lavastoviglie: come tenerla pulita

  • verificare settimanalmente il tubo di scarico e, in caso anche solo di parziale occlusione, procedete con la sua pulizia;
  • aggiungete ad ogni lavaggio il sale per prevenire la formazione di calcare;
  • verificate ed eventualmente pulite le incrostazioni che si possono formare in prossimità spruzzatori dell’acqua;

In caso non si usi la lavastoviglie per molto tempo, staccate la spina e lasciate lo sportello socchiuso in modo che non si possa formare la muffa.

Altre domande e risposte su come fare la lavastoviglie

Come sempre spazio alle vostre domande.

Dove mettere il sale nella lavastoviglie?

Per ottenere le migliori prestazioni di lavaggio, dovete fare attenzione che la vostra lavastoviglie contenga il giusto livello di sale rigenerante. Gli indicatori sul display frontale dei modelli più moderni vi indicheranno quando il livello del sale si abbassa e quando è necessario ricaricarlo.

Il sale rigenerante si presenta in forma granulare e aiuta l’addolcitore interno della lavastoviglie a ridurre la durezza dell’acqua corrente.


Il vano del sale rigenerante si trova all’interno della lavastoviglie, sotto il cestello inferiore sul lato sinistro.

Dovere rimuovere il cestello inferiore per accedere al vano.

Come fare la lavastoviglie

Come fare la lavastoviglie: contenitore del sale

Aprite quindi il coperchio del serbatoio , aggiungere il sale rigenerante e chiudere.

Durante il funzionamento, l’acqua all’interno del serbatoio o il sale rigenerante possono traboccare all’interno dell’unità. Ciò può causare ruggine o corrosione sulle superfici metalliche della vostra lavastoviglie. Per evitare ciò,  meglio utilizzare un imbuto per versare il sale rigenerante nel serbatoio e rimuovere eventuali fuoriuscite di acqua o sale.

Si consiglia di utilizzare la lavastoviglie subito dopo aver ricaricato il sale rigenerante.

Se non si prevede di utilizzare immediatamente la lavastoviglie, si consiglia di eseguire un breve programma senza stoviglie o detersivo per evitare di danneggiare l’elettrodomestico.

Vi abbiamo dedicato un articolo di approfondimento: tutto sul sale per la lavastoviglie

Dove mettere il brillantante

Il brillantante aumenta la capacità di asciugatura e fa brillare le stoviglie riducendo la tensione superficiale dell’acqua.
È particolarmente efficace per le stoviglie in vetro.

Come per il sale rigenerante i modelli più recenti dispongono di display che indicano il livello del brillantante.


In caso si manifesti il messaggio di livello basso ecco come fare per caricarlo. Il serbatoio è tipicamente contenuto all’interno dello sportello principale.

Come fare la lavastoviglie

Come fare la lavastoviglie: ecco dove mettere il brillantante

  1. Una volta individuato, ruotare il coperchio in senso antiorario per aprirlo.
  2. Riempite la vaschetta di erogazione del brillantante fino al livello massimo indicato.
  3. Dopo aver riempito il liquido di lavaggio, ruotate il coperchio in senso orario per chiuderlo saldamente.

Attenzione: il liquido di risciacquo tende a fuoriuscire quando il coperchio non è ben chiuso. Assicuratevi che sia fissato saldamente.

Consigli per cambiare la lavastoviglie

E per finire ecco tutti i consigli per la scelta della vostra nuova lavastoviglie.

{ 0 comments }

ANNABELLA DENTI

TI E PIACIUTO L' ARTICOLO?

Lascia un commento