Come pulire il forno rapidamente e senza detersivi

Come pulire il forno? dopo avervi dato tanti consigli per scegliere il modello più adatto alle vostre esigenze è ora il momento di darvi suggerimenti su come tenerlo pulito ed efficiente.

Un forno sporco profuma male quando lo si accende. E come tutti gli elettrodomestici, se la manutenzione del forno viene eseguita male, funzionerà meno bene e meno a lungo.


Il pollo, le verdure gratinate o i dolci che lievitano, in pratica quasi tutto ciò che viene cotto nei forni, rischia di sporcarlo. Il cibo può fuoriuscire dai tegami o dalle pirofile ma si possono anche verificare degli  degli schizzi di grasso sulle pareti del forno.

E’ quindi molto importante imparare a pulire facilmente il forno con metodi e soluzioni per lo più naturali ed ecologiche.

Consigli da ricordare prima di pulire il forno

Eccovi subito due suggerimenti da ricordare:

  • Prima di pulire l’interno, dovete rimuovere la piastra e le griglie interne  che potete lavare con acqua calda e detersivo per piatti o lavastoviglie nel lavello..
  • Meglio poi pulire il forno quando è ancora tiepido, subito dopo la fine della cottura. Il calore infatti scioglie  il grasso e si risparmia tempo, sarà sufficiente un semplice colpo di spugna umida.

Sette consigli su come pulire il forno senza detersivi, con sostanze naturali

Eccovi alcuni consigli pratici da applicare quotidianamente con sostanze naturali.

Utilizzare il bicarbonato

Passate sulle pareti del forno una spugna imbevuta di una soluzione di 2 cucchiai di bicarbonato di sodio diluito in acqua calda.

Come pulire il forno

Come pulire il forno con il bicarbonato

I cristalli di sodio

Potete utilizzarli per pulire la placca del forno.


Immergere la placca per una notte in acqua molto calda con l’aggiunta di cristalli di soda.

Dovete utilizzare 1 bicchiere di cristalli di soda per 1 litro di acqua calda. Potete trovarli in vendita anche su Amazon.

La gomma spugna

Fate una passata con una gomma spugna umida sulle pareti grasse del forno, senza nessun altro prodotto aggiuntivo.

Se non le aveste già in casa sono facilmente reperibili anche in rete.

La pietra di argilla

Dovete passare una spugna impregnata di un po’ di pietra d’argilla sulle pareti unte.

Potete poi risciacquare le pareti con un panno in microfibra umido. Questo detergente è molto popolare in Francia, la Pierre d’Argille.

Il sapone nero

E’ anche possibile pulire il forno con una spugna inumidita con acqua e un po’ di sapone nero liquido, di origine Marocchina.

Anche in questo cado dovete poi risciacquare con un panno in microfibra umido.


Lo potete trovare in vendita anche su Amazon.

Attenzione a non utilizzare il sapone nero solido che vedete nella foto seguente che è ottimo ma solo per la cosmesi.

Sapone nero solido

Pulire il forno con il  sale

Si, potete usare anche il sale…… Nel forno ancora caldo, cospargete di sale le pareti untuose, attendere qualche minuto, quindi strofinate con una spugna umida.

Aceto

Un altra sostanza naturale molto efficace come detergente. Potete pulire le pareti del forno con una soluzione di 2/3 di aceto bianco, 1/3 di acqua e una goccia di detersivo per le stoviglie.

Ricordatevi di risciacquare con un panno in microfibra umido.

Come pulire il forno molto sporco

E per lo sporco più ostinato?

Passiamo in rassegna qualche consiglio per pulire un forno davvero sporco per cui i suggerimenti precedenti non siano stati risolutivi.

L’ammoniaca

Per prima cosa dovete fare raffreddare completamente il vostro forno.


Una volta raffreddatosi, dovete mettere nel forno una ciotola nel cui fondo avrete versato l’ammoniaca.

E’ necessario lasciare la ciotola per almeno 5 ore nel forno con lo sportello chiuso. I fumi rilasciati dall’ammoniaca attaccano i depositi di grasso più resistenti.

pulizia del forno

Come pulire il forno con incrostazioni: l’ammoaniaca può essere utilie ma ci raccomandiamo i guanti.

Passate 5 ore dovete strofinare le pareti con una spugna d’acqua saponata pulendo molto bene. Successivamente vi consigliamo di fare anche un passata con una spugna umida.

Attenzione: dovete stare attenti a proteggervi le mani con i guanti. Vi consigliamo anche di lasciare aperta la porta del forno per una notte prima dell’uso.

Detergente spray per forni

Ricordandovi di proteggervi le mani con un paio di guanti, potete spruzzare un prodotto per pulire il forno e  quindi pulire con una spazzola a setole morbide.

Sono efficaci sia sulle pareti del forno che per i ripiani, le piastre e i vetri, anche i più sporchi.

Non lasciate che il prodotto agisca troppo a lungo, risciacquate con una spugna umida.

Eccovi alcuni prodotti più ecologici che potete trovare direttamente su Amazon.

Attenzione, questi prodotti non si devono utilizzare questi prodotti in un forno catalitico o pirolitico per non danneggiarli.


La Coca Cola

Ebbene si, questa bibita è un potente sgrassante.

Nel forno ancora caldo, pulire le pareti unte con una spugna imbevuta (e strizzata) di coca cola.

Risciacquate quindi le pareti con una spugna umida.

Come pulire il forno dalle incrostazioni e dai  residui di grasso

Per eliminare i residui di grasso e le incrostazioni più resistenti dovete farlo funzionare alla massima potenza per 5 minuti.
Il grasso brucerà ma come conseguenza potrebbe esserci un cattivo odore, dovete quindi aprire  subito la finestra della cucina.

Come rimuovere la pellicola incollata sul fondo del forno

Se vi rimane della pellicola incollata nel forno, per prima cosa fatelo raffreddare e spegnetelo. Potrete poi togliere la maggior quantità possibile di carta con una spugna inumidita con acqua saponata (strizzatela bene) e infine raschiate il residuo con una spatola di legno.

Se non fosse sufficiente ecco un procedimento che potete seguire:

  • mescolate acqua calda e bicarbonato di sodio (4 cucchiai di bicarbonato di sodio per 1/4 di litro di acqua calda).
  • Stendete poi il composto sul fondo del forno.
  • Lasciate in posa per almeno 2 ore, meglio farlo alla sera quindi

Pulite con una spugna umida al mattino, utilizzando una spatola di legno.

Ripetete fino a quando il residuo è quasi completamente scomparso.

Anche gli svernicianti per il forno possono essere utili, ma non devono essere utilizzati per più di 5 minuti per evitare possibili danni.


È meglio ripetere da capo più volte questo procedimento piuttosto che danneggiare le pareti del forno.

Pulizia del vetro di un forno

Se non riuscite a rimuovere le macchie che si attaccano al vetro, potete provare a strofinarle con un panno inumidito con alcool per uso domestico.

In alternativa potete spruzzare un prodotto specifico per pulire il forno.

Sono entrambe due soluzioni adatte anche per forni pirolitici.

Pulizia Microonde e forni catalitici e pirolitici

Veniamo ora ai consigli per la pulizia di alcune tipologie di forno specifiche.

Come pulire il forno a microonde in modo naturale

Per i microonde abbiamo scritto un approfondimento specifico che trovate qui: pulizia microonde.

pulizia forno microonde

Come pulire il forno microonde

Pulizia di un forno catalitico

Poiché le pareti del forno catalitico sono smaltate e rivestite di materiale sgrassante, per pulirlo è sufficiente passare una spugna risciacquata con acqua.

In caso di schizzi di zucchero, meglio strofinare  i residui quando sono ancora caldi per eliminarli più rapidamente.
Se le macchie fossero ormai seccate, fate funzionare il forno a bassa temperatura per scioglierel, spegnerlo e pulitele molto rapidamente.

Potete usare anche dei cristalli di sodio.


  • A forno ancora caldo, pulite le pareti grasse con una spugna imbevuta di una soluzione di 1/2 litro di acqua calda e 2 cucchiai di cristalli di soda.
  • Risciacquate ed asciugate

Anche il sapone nero è una buona sostanza detergente per questo tipo di forni.

  • Pulite il forno con una spugna inumidita con acqua e un po’ di sapone morbido.
  • Risciacquate alla fine con una spugna umida.

Attenzione:  Il rivestimento smaltato del forno catalitico è fragile.
Non danneggiatelo inserendo griglie o piastre. Per non  danneggiare permanente il forno, non dovete posizionare mai fogli di alluminio lungo le pareti del forno, od usare spugne o polveri abrasive e ancor meno prodotti svernicianti

Come pulire il forno pirolitico

I forni di questo tipo sono dotati di un programma specifico autopulente che dura 1 ora circa e porta l’interno del forno alla temperatura di 400 gradi eliminado grassi e residui con il colore.

Dovete quindi pianificare  bene il momento della pulizia. Dopo l’operazione, potete strofinare con una spugna umida.

Attenzione:  Quando si attiva la funzione di pirolisi del forno dovete ricordarvi di ventilare la cucina e allontanarsi. Il forno pirolitico rilascia monossido di carbonio e ammoniaca, che sono dannosi per l’uomo.

Come comportarsi in caso abbiate  erroneamente pulito il forno pirolitico con un prodotto chimico?

Provate prima a pulirlo con del bicarbonato come vi abbiamo spiegato in precedenza.

In seguito, ventilando la cucina il più possibile, perché come abbiamo visto il forno può rilasciare vapori nocivi, fatelo funzionare a vuoto.

Lasciatelo raffreddare e ripetete questa pulizia fino a quando il forno non emana più odore e non sarà pulito.

La pirolisi consuma molta energia a livello delle resistenze interne e a volte le pareti del forno si riscaldano troppo, provocando anche potenzilmente la scissione del rivestimento del forno.

Cosa fare quando questo accade? Purtroppo non c’è niente da fare, va proprio cambiato il forno sperando che siate ancora in garanzia.

{ 0 comments }
Rossella Vignoli

ROSSELLA VIGNOLI

TI E PIACIUTO L' ARTICOLO?

Lascia un commento