Ristrutturazioni

Abbaino: cos’è, normativa in Italia e differenza con il lucernaio (finestra per tetti)

Tutti i vantaggi che apporta e le regole burocratiche da conoscere

Tutto sull’abbaino: passiamo ora alla nostra sezione di glossario e di spiegazione su alcuni elementi principali di architettura e di arredamento di interni da sapere prima di affrontare una ristrutturazione di casa. Troverete di seguito tutte le nostre risposte su questo particolare tema.


Cos’è un abbaino: definizione

L’abbaino è un vano finestrato di piccole dimensioni, costruito sopra il tetto. È una particolare soluzione architettonica che permette di migliorare l’illuminazione e/o il ricambio di aria.

L’abbaino è una struttura architettonica costituita da una finestra che viene montata sul tetto in verticale. Crea un piccolo vano in più nel locale sotto il tetto, apportare più luce e permette anche il ricircolo d’aria.

Molto diffuso nei paesi del Nord Europa, si sta cominciando a diffondere sempre più anche in Italia, in considerazione del recupero di sottotetti per adibirli a locali.

È costituito da una finestra montata in verticale, con relativo affaccio sul tetto.

Gradevole esteticamente, permette di portare più luce e aria nei locali situati sotto il tetto, come soffitte o mansarde.

Perché si chiama abbaino?

Il termine “abbaino” derivata dal genovese “abbaèn” (lastra di ardesia). Pare che volesse dire abatino, ovvero giovane abate. Le lastre di ardesia che ricoprivano gli abbaini erano dello stesso colore grigio della tonaca dei giovani abati.


Com’è fatto un abbaino?

E’ una particolare soluzione architettonica composta da una finestra montata in verticale, con relativo affaccio sul tetto. Consente di portare maggior luce ed aria nei locali situati sotto il tetto.

Quanti tipi di abbaino esistono?

Ne esistono molti tipi fra cui:



  • moderno,
  • tradizionale,
  • classico

I progetti possono poi variare per forma, stile, materiali e dimensioni.

Molto dipende dallo stile della casa. L’abbaino, infatti, si deve innestare in maniera armoniosa con lo stile e l’estetica della costruzione già esistente.

Vediamo quali sono le principali forme che può avere l’abbaino:

  • timpano
  • capanna
  • barilotto
  • padiglione
  • sopracciglio
  • incassato
  • arco
  • piatto
  • strascico
  • occhio di bue
  • triangolare
  • a botte
  • trapezoidale

Materiali

Anche per quanto riguarda i materiali c’è ampia scelta.

L’abbaino in muratura, ad esempio, è una scelta raffinata che migliora l’aspetto estetico dell’edificio. La sua realizzazione richiede lavori di estrema precisione.

Quello legno, invece, è una soluzione adatta per le case di montagna perché dona quel tocco rustico che ben si va ad integrare nel contesto paesaggistico.


Vantaggi di un abbaino

La realizzazione di un abbaino sul tetto apporta vari vantaggi, quali:

  • maggior illuminazione
  • migliore aerazione e ventilazione
  • fascino e bellezza all’abitazione
  • aumento dello spazio abitativo e, di conseguenza, aumento del valore dell’immobile
  • accesso semplificato al tetto per lavori di manutenzione o sistemazione delle tegole

Svantaggi di un abbaino

Ovviamente, la costruzione di un abbaino sul tetto di un edifico implica una spesa piuttosto importante, quantificata in tempo e manodopera.

Inoltre, le case che lo prevedono hanno bisogno di maggior manutenzione, tra cui controlli regolari, pulizia e piccole sistemazioni.

Quanto costa aprire un abbaino?

Non c’è un prezzo fisso. Un preventivo dettagliato sui costi per la realizzazione dipende da vari fattori come le dimensioni, la forma, le tipologie di apertura e i materiali impiegati.

Di media, possiamo dire che il costo di un abbaino parte da circa 2.000 euro per l’acquisto dei materiali necessari. Per poi salire anche fino a 10.000 euro (ed oltre) per un risultato finale di gran pregio e valore.

Abbaino, ci vuole il permesso di costruire?

Per realizzare un abbaino sul tetto ci vuole il permesso di costruire.

L’autorizzazione del Comune è infatti necessaria per tutte le quelle opere edilizie che costituiscono «nuova costruzione».

Comporta un aumento della volumetria e non può essere considerato un’opera di ristrutturazione ma rientra invece nella predetta definizione.


E in condominio?

Nel caso di abbaino in condominio, per prima cosa, bisogna dare comunicazione all’Amministratore.

Se all’interno del regolamento condominiale sono presenti divieti relativi alla modifica del tetto, l’abbaino non può essere realizzato.

Inoltre, va richiesta anche l’approvazione da parte dell’assemblea condominiale perché trattasi di un elemento che potrebbe apportare modifiche estetiche all’edificio.

Ed ancora, se viene realizzato per esigenze particolari, la sua edificazione richiede il rispetto di elementi fondamentali, specificati nell’articolo 1102 del Codice Civile. Nello specifico:

  • non deve compromettere la funzionalità del tetto
  • deve rispettare le normative vigenti in termini di luce areazione e sicurezza dell’ambiente interno ed esterno al condominio

Che sanzioni?

In assenza dei regolari permessi è prevista la demolizione dell’opera abusiva. Qualora ciò non sia possibile, può essere comminata una sanzione pecuniaria di valore doppio rispetto all’aumento di valore dell’immobile.

Che differenza c’è tra lucernario e abbaino?

Molto spesso si tende a far confusione fra abbaino e finestra sul tetto. Molti pensano sia la stessa cosa. In realtà, si tratta di due soluzioni architettoniche diverse sotto vari punti di vista.

Cerchiamo di fare chiarezza spiegando bene le differenze tra le due strutture.

L’abbaino è un elemento architettonico, ideale per edifici di pregio, che consente di far entrare luce ed aria su tetti normali e a falde inclinate grazie all’installazione di una finestra verticale. Inoltre, rende abitabile un sottotetto sfruttando il fattore altezza.

La finestra per tetti, invece, ha una diversa funzionalità in quanto la sua installazione segue la pendenza del tetto. Può essere installata con facilità su vari tipi di tetto, compresi quelli con inclinazione bassa.


Lucernaio a bilico, finestra per tetto o velux
Lucernaio a bilico, finestra per tetto o velux

A parità di superficie in vetro, la finestra sul tetto, o lucernario, consente di far entrare il doppio della luce naturale.

Gli abbaini, dal canto loro, introducono un elemento architettonico più evidente e che va a creare un piccolo spazio in più, ossia il vano, che va ad ampliare lo spazio abitativo e rende più confortevole il sottotetto.

Indipendentemente dalla forma, l’abbaino viene sempre posizionato sulla pendenza del tetto.

Al contrario, le finestre per tetti vengono installate direttamente sul tetto piano o sulla pendenza del tetto. Spesso costituiscono un interessante dettaglio architettonico.

Entrambe le varianti offrono specifici vantaggi. Proviamo ad esaminarli nel dettaglio così da facilitare la scelta.

  • Gli abbaini creano più spazio e offrono così la possibilità di posizionare e montare mobili, come armadi e scaffali. In caso di vendita dell’immobile, questo si ripercuoterà positivamente sul prezzo in quanto la casa avrà una maggiore superficie abitativa
  • Le finestre per tetti sono più facili da installare, rendono la stanza molto più luminosa e sono di gran lunga più economiche

Altri consigli per il vostro tetto

Se avete la necessità di rifare il tetto della vostra abitazione, eccovi alcuni approfondimenti utili da leggere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button