Scopriamo tutti i vantaggi di una plafoniera a led con alcune recensioni

La plafoniera led è una soluzione tecnologica molto razionale che lega l’estetica e la forma della plafoniera al un funzionamento delle luci a led. In questo si limitano i consumi ed aumenta la luminosità del sistema.

Vantaggi di una plafoniera a led

Ma analizziamo quali sono i vantaggi della plafoniera led e perché questo sistema si propone sempre più scelto da molte persone. Difatti le ritroviamo soprattutto in ambienti di dimensioni contenute, come il bagno, il corridoio o i ripostigli.



La plafoniera led occupa poco spazio o meglio poco volume. Per sua natura si compone di un unico corpo che si posiziona sul soffitto senza sezioni volanti.

Da un lato l’estetica che ne deriva è asciutta e priva di fronzoli, ma i vantaggi in termini di ingombro sono molteplici.

Questo tipo di supporto può infatti essere inserito in ogni stanza, soprattutto in quelle dalle dimensioni più contenute dove non c’è spazio per alloggiare un lampadario.

Ne sono un esempio il bagno, le cucine, ma anche i corridoi particolarmente stretti o i ripostigli.

L’unione fra led e plafoniera rende il gioco più vincente, perché il led (Light Emitting Diode) è una tecnologia che offre abbondanza di luce e un risparmio significativo in termini di consumi energetici.

Plafoniera led: alcune proposte

Oggi le case produttrici hanno realizzato molti modelli di plafoniera led interessanti. Quindi possiamo contare su una base di elementi utili e piacevoli per l’illuminazione d’interni.

Zeta di Plexiform

Un esempio di plafoniera led alquanto accattivante arriva da Plexiform, che con Zeta arreda ogni ambiente con un’ottima luminosità e uno stile minimal nelle forme.



I materiali sono ricercati, perché la plafoniera Zeta vanta un corpo in acciaio e un diffusore in PMMA opale, per una luminosità diffusa in nome del puro minimalismo.

plafoniera led zeta

Tisserand

Chi ricerca una plafoniera led decorativa può puntare sul brand Tisserand e sul suo modello ornamentale 307111A.

Sembra quasi uno scrigno di metallo decorato che racchiude un sistema delicato. Si propone perfetto per le stanze opulente, ma anche da inserire come tocco in più negli ambienti arredati con stili diversi.

Tisserand plafoniera a led

Bool di Masiero

E ancora, la plafoniera led può non dimenticare l’opulenza dei cristalli e proporsi alquanto decorativa, come accade nel sistema Bool di Masiero. Qui si lega una base definita ad una una sezione in cristallo altamente decorativa. Ne risulta un elemento di grande pregio, adatto ad uno stile ricercato e lussuoso.

plafoniera led Bool di Masiero

VIKI di Panzeri

Chi invece ricerca i materiali di nuova generazione e le forme più plastiche, può orientarsi alla plafoniera led VIKI di Panzeri.

Si tratta di un sistema alquanto speciale, realizzato in tessuto bielastico ignifugo e definito da un sistema led che assicura grandi prestazioni. Il tutto in una plafoniera led maestosa, che può diventare il punto forte anche dell’area giorno.

plafoniera led VIKI di Panzeri



Plafoniera led Ikea

Soluzioni molto più economiche e alla portata di tutti vengono proposte anche dal brand svedese Ikea. Vediamo quindi cosa ci riserva il catalogo in materia di plafoniere led.

Levang

Tutto può iniziare con Levang, una plafoniera quadrata e di colore bianco, dai bordi tondeggianti, che si insinua con delicatezza nella stanza, creando un buon punto luce.

Il paralume è in plastica, con la calotta in acciaio. L’estetica minimalista come detta il brand, la rende ideale per ogni ambiente.

plafoniera led ikea

 

SÖDERSVIK

Il modello di plafoniera SÖDERSVIK è  molto più raffinato e moderno. Si presenta con una struttura tubolare da cui parte una luce diffusa. Questo la rende adatta soprattutto alla stanza da bagno.

In alluminio, assicura un buon risparmio energetico grazie alla classe energetica A++.

plafoniera led tubolare

plafoniera led sodersvik

Altri consigli per l’illuminazione

Ecco le nostre guide per l’illuminazione della casa:

{ 0 comments }

ELENA

TI E PIACIUTO L' ARTICOLO?

Lascia un commento