Materiali

Guida al legno lamellare, prezzi, caratteristiche e applicazione

Più economico rispetto al legno massello, rappresenta anche una scelta sostenibile

Da parecchio tempo, ormai, il legno lamellare sta sostituendo il legno massello: perchè più economico e perchè dà la possibilità di eliminare i difetti che caratterizzano l’essenza originaria. Negli ultimi anni, però il suo campo di applicazione si sta ampliando ancora di più .
Cerchiamo di capire il motivo andando a scoprire meglio quali sono i suoi vantaggi e le sue caratteristiche.

toc[


Legno lamellare: cos’è

Il legno lamellare è legno naturale lavorato industrialmente per conservare i pregi, e talvolta anche migliorare alcuni svantaggi, del legno massello.

Si ottiene incollando fra loro almeno 3 sottili tavole di legno, chiamate “lamelle”, a fibre contrapposte, sotto l’azione di una forza di pressione.

In questa maniera è possibile costruire dei profili di dimensioni maggiori rispetto a quelle normalmente ricavabili dagli alberi naturali, con un enorme vantaggio nell’applicazione in ambito edilizio.

Tipi di legno lamellare

Ciò che differisce da un tipo di legno lamellare ad un altro è l’essenza, ovvero il legno di partenza. Le specie più utilizzate sono le conifere:

  • abete rosso
  • abete bianco
  • larice
  • pino
  • douglasia
  • faggio
  • frassino

Talvolta vengono utilizzate latifoglie come rovere e castagno.

Possiamo poi riscontrare una ulteriore differenziazione tra due tipi di legno lamellare:


  • Incollato omogeneo, quando le lamelle appartengono alla stessa classe di resistenza
  • Incollato combinato, nel caso in cui le lamelle interne ed esterne alla sezione appartengono a classi di resistenza differenti

Legno lamellare: caratteristiche

In linea generale, il legno lamellare mantiene i pregi del legno naturale e ne riduce i difetti.

Pro

Vediamo nello specifico quali sono i suoi vantaggi.

  • Versatile: può essere utilizzato nelle costruzioni in alternativa a materiali quali cemento armato, acciaio, pietra…
  • Ha una buona resistenza meccanica uniforme e omogenea
  • Ignifugo
  • Antisismico, poiché riesce a flettersi senza rompersi
  • Buon isolante termico
  • Leggero: nelle costruzioni fa risparmiare nelle fondazioni
  • Disperde poco il calore: gli infissi e le pareti in lamellare assicurano un risparmio energetico
  • Buon isolante acustico naturale
  • Resiste bene a intemperie e sbalzi termici
  • Gradevole esteticamente: dona una sensazione di calore e benessere
  • Facilmente riciclabile
  • Permette di ottenere travi lunghe e curve

Contro

  • Deperibilità biologica: il legno è naturalmente soggetto a muffa e funghi
  • Prezzo elevato per essenze diverse dall’abete rosso

Legno lamellare: utilizzi

Il legno lamellare sta progressivamente sostituendo il legno lamellare in numerosi ambiti:



  • edilizia
  • ingegneria civile
  • industria del mobile

Ma oltre al legno massello, sostituisce spesso anche altri materiali, quali pietra, acciaio e cemento armato.

I principali impieghi sono:

  • strutture leggere per esterni (casette da giardino, gazebi, bungalow)
  • travi di grandi dimensioni o curve, per realizzare tetti e coperture, soffitti o capriate di ponti, centri sportivi, capannoni, centri commerciali, scuole, piscine, auditorium, riqualificazione dei teatri …
  • infissi
  • colonne (comprese le sezioni rotonde, quadrate e complesse)
  • tralicci
  • scale leggere
  • supporti per ponti ad arco
  • tettoie leggere su cui è possibile installare i pannelli fotovoltaici

scala in legno lamellare

Legno lamellare: manutenzione

In teoria sarebbe richiesta una manutenzione ogni 2/3 anni; tuttavia, l’applicazione di nuove vernici e lacche adatte a evitare il deperimento del legno, permettono di eliminare del tutto qualsiasi tipo di manutenzione. Con un gran risparmio di tempo e denaro.

Travi in legno lamellare

Le “travi lamellari” sono pezzi per costruzioni in legno, ricavati da assi di abete rosso fatte essicare e nelle quali sono stati eliminati i difetti che ne avrebbero compromesso la compattezza (nodi, sacche di resina…).

Piallate e smussate su tutti i lati, presentano una superficie liscia e piacevole e sono particolarmente utilizzate per la realizzazione di verande, gazebi e tettoie.


Apprezzate per la loro versatilità, vengono spesso impiegate anche nell’architettura di interni.

Dimensioni

La lunghezza della trave può arrivare fino a 13,50 m.
Per quanto riguarda la sezione della trave, le dimensioni disponibili sono:

    • 6 x 12 cm
    • 6 x 16 cm
    • 8 x 8 cm
    • 8 x 12 cm
    • 10 x 10 cm
    • 10 x 12 cm
    • 10 x 16 cm
    • 10 x 20 cm
    • 12 x 12 cm
    • 12 x 16 cm
    • 12 x 20 cm
    • 12 x 24 cm
    • 16 x 16 cm
    • 16 x 20 cm
    • 16 x 24 cm
    • 16 x 28 cm
    • 16 x 32 cm
    • 20 x 20 cm
    • 20 x 40 cm

Listino prezzi

Il costo del legno lamellare è estremamente variabile in quanto dipende da fattori quali:

  • l’essenza del legno d’origine (più o meno pregiata),
  • le dimensioni,
  • il grado di finitura
  • la qualità della lavorazione.

A titolo indicativo, ecco qualche esempio.

  • Tavola in abete lamellare: lunghezza 200 cm x larghezza 50 cm, spessore 18 mm, 17,00 euro
  • Tavola in abete lamellare: lunghezza 250 cm x larghezza 125 cm, spessore 18 mm, 50,00 euro
  • Tavola in abete lamellare: lunghezza 250 cm x larghezza 120 cm, spessore 40 mm, 100 euro
  • Tavola in faggio lamellare: lunghezza 250 cm x larghezza 120 cm, spessore 30 mm, 175 euro
  • Trave lamellare in pino impregnato: lunghezza 300 cm e sezione 15 x 5 cm, 50 euro
  • Trave lamellare in pino impregnato: lunghezza 300 cm e sezione 15 x 10 cm, 75,00-80,00 euro
  • Trave lamellare in abete: sezione 12 x 12 cm, 10,00 euro (prezzo a metro lineare)
  • Trave lamellare in abete: sezione 10 x 20 cm, 13,50 euro (prezzo a metro lineare)
  • Trave lamellare in abete: sezione 6 x 12 cm, 5,00 euro (prezzo a metro lineare)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button