Poltrone e Divani

Come capire se un divano è di qualità? Come muoversi in un negozio?

Impariamo insieme a riconoscere un buon divano

Come capire se un divano è di qualità?

Qual è la ricetta per riconoscere cosa rende valido un divano e cosa lo rende invece fragile e meno pregiato? Cosa dovete valutare quando siete anche di persona in un’esposizione di divani?


Per farlo, dovrete utilizzare i quattro sensi, in particolare quelli tattili e visivi. Ovviamente il gusto non è rilevante in questo caso, ma l’odore può avere una sua funzione.

L’aspetto visivo di un divano

La vista è un processo complesso che richiede la partecipazione dell’occhio e del cervello. Ovvio, direte voi. È altrettanto banale dire che dobbiamo spiegare al cervello cosa vogliamo guardare, cosa vogliamo individuare con precisione.

Saper riconoscere visivamente un buon divano significa saper osservare i piccoli dettagli e le forme generali.

Non ci occuperemo qui dell’aspetto estetico, ma solo dei riflessi che chiameremo tecnici.

L’aspetto generale deve trasmettere una sensazione di armonia ed equilibrio

  • Simmetria perfetta: larghezza dei braccioli. Proporzioni dei cuscini, sia per le sedute che per gli schienali. Inclinazione identica dei diversi elementi.
  • Stabilità dell’insieme: i diversi elementi sono saldamente fissati. I braccioli e gli schienali non oscillano in avanti o lateralmente in modo inalterabile.
  • Coerenza dell’insieme: omogeneità delle linee e delle combinazioni. Rispetto delle altezze e delle larghezze di base.

È al primo sguardo che dobbiamo fare un passo indietro e vedere per qualche secondo le linee principali che compongono il divano.


Allontanandosi di uno o due metri, il nostro campo visivo può assimilare il modello nel suo complesso. Siamo quindi in grado di individuare eventuali difetti di progettazione o di fabbricazione.

Come capire se un divano è di qualità? - aspetti visivo

Oltre al fatto che il talamo trasmetterà questo messaggio alla corteccia per riformulare un’immagine tridimensionale, il cervello, cioè voi, dovrà anche tenere conto delle caratteristiche del modello per non fare false interpretazioni.



Alcuni divani mettono in risalto la dismetria, l’aspetto sciatto o la volatilità dei cuscini. Ma quando è troppo, beh, è troppo! Acquistare un divano che sembra cadere inesorabilmente a pezzi potrebbe diventare rapidamente una realtà…

Come capire se un divano è di qualità? Osservate i piccoli dettagli che dicono molto

  • Cuciture resistenti: cercate i diversi punti che uniscono i pezzi. Riflettono la diligenza e la precisione con cui sono stati cuciti. Il filo deve aderire al rivestimento e non lasciare spazi vuoti.
  • La quantità di giunzioni: i pezzi duri o morbidi sono uniti, pinzati, rammendati, e l’attenzione a questo punto si deve concentrare sui dettagli e l’esecuzione. Troppe cuciture, troppa colla, troppe graffette, così come un numero insufficiente di punti riflettono spesso l’ovvio, non è di buona qualità.
  • Sollevare gli elementi: date un’occhiata ai lati, alla parte inferiore e dietro i cuscini dello schienale e della seduta. In questo modo si potrà capire se questi elementi resistono bene, se sono facili da rimuovere e rendersi conto della qualità delle parti nascoste.

Trattare ogni rivestimento in base alle sue caratteristiche: spessore della pelle o del tessuto. Granulometria, uniformità del colore e durata di ciascun materiale.

Questa fase richiede tempo ma anche se può sembrare laborioso, è essenziale.

Cuciture allentate, imbottiture cadenti, piedini screpolati e parti allentate sono i principali problemi che si presentano nel tempo per i divani di scarsa fattura.

Siate curiosi, osate sollevare, togliete, disfate… Il venditore potrebbe guardarvi con un’espressione spaventata. Ma è il minimo che possiate fare per evitare brutte sorprese volta che il divano è in casa vostra.

È anche un’occasione per evidenziare i piccoli e grandi difetti. Un filo tirato che sporge, un pezzo di corda che pende, un colore che si stacca… Non cerchiamo solo i punti deboli ma anche quelli positivi. Un colore uniforme, il senso di coerenza, un ricamo delicato.


Come capire se un divano è di qualità? L’aspetto tattile di un divano

Il tatto è probabilmente uno dei sensi più importanti per gli esseri umani. Ci mette in contatto diretto con gli oggetti circostanti e funge da indicatore emotivo.

È un ottimo allarme che lascia spazio al nostro istinto. Questo aspetto tattile ci servirà a riconoscere un buon divano in pelle come un divano in tessuto.

Come capire se un divano è di qualità?- toccare divano in pelle

Con una differenza: la pelle richiede una maggiore attenzione.

Deve subentrare una sensazione di benessere

  • Accarezzare il rivestimento: prendetevi il tempo di passare le mani sui vari elementi. Naturalmente le mani scivolano sul bracciolo quando siamo seduti. Assicuratevi che la natura del rivestimento sia piacevole, morbida o confortevole.
  • Provate a sedervi: sedersi più volte con e senza ritenuta. Verificare la durezza del comfort su tutta la lunghezza (estremità e centro). Identificare i problemi di comfort
  • Rilassatevi: prendetevi il tempo di sedervi per qualche minuto, ben seduti sullo schienale. Determinare il tipo di supporto per verificare che sia adatto alla propria corporatura.

Ciò significa prendere in considerazione sia la qualità del materiale al tatto sia il tipo di comfort. Tirando la pelle si può vedere la grana espandersi e poi rientrare. È anche possibile alzarsi e osservare la sensazione della schiuma del sedile, ripetutamente.

Come capire se un divano è di qualità? confrontare con altri modelli

  • Avere punti di confronto: anche se avete scelto un modello particolare, non rinunciate a provarne altri.
  • Visitare altri negozi: a seconda dell’origine della produzione, dell’assortimento, del prezzo, del comfort e dei materiali, i comfort variano da un negozio all’altro.
  • Leggere le etichette: per avere un’idea più precisa delle caratteristiche di un divano, consultate le informazioni contenute nella scheda tecnica, che vi permette di valutare con maggiore precisione le diverse caratteristiche.

È impossibile sapere se un divano è comodo se non abbiamo un termine di paragone su cui basarci.

È questa conoscenza dell’esistente che offre un’analisi pertinente. Il comfort è una questione personale e varia a seconda dell’imbottitura e del tipo di sospensione.

Anche il tempo è un fattore essenziale. Siamo troppo veloci nel fare acquisti, troppo veloci nel prendere decisioni che possono essere negative. Quando si compra su internet ad esempio è fondamentale leggere i dati relativi a dimensioni, materiali, densità e tipo di rivestimento.


Altri aspetti da valutare

Abbiamo visto all’inizio che anche l’olfatto può aiutare a riconoscere un buon salone. L’odore di cuoio forte o i fumi persistenti della colla sono i profumi più evidenti e riconoscibili.

Questi odori naturali per il cuoio, chimici per una colla, tuttavia, finiscono per scomparire. Al di là della rilevanza dell’olfatto, il cervello sarà molto più sollecitato a fare una sintesi dei fattori che abbiamo discusso.

Collegare tutti gli elementi

La coerenza degli aspetti visivi con il prezzo: qui è necessario collegare il prezzo indicato ai difetti e alle qualità individuate.

L’adeguatezza del prezzo in relazione al comfort: anche se questo criterio è soggettivo, i materiali utilizzati dovrebbero fornire informazioni per evidenziare il prezzo e il comfort.

La qualità dei rivestimenti: sempre in relazione al prezzo, si collega ciò che rende il valore aggiunto della pelle o del tessuto e ciò che lo rende carente.

L’obiettivo è quello di far emergere la nozione di base del rapporto qualità/prezzo. Anche se alcuni vi daranno delle formule già pronte per scegliere un buon divano, noi crediamo che esso debba prima di tutto corrispondere alle vostre esigenze, e ognuno è diverso dall’altro.

Il budget, l’utilizzo, il numero di persone in famiglia, gli animali domestici… sono tutti punti che ognuno deve tenere in considerazione.

Come capire se un divano è di qualità? Migliorare le vostre conoscenze teoriche

  • Conoscere il vocabolario: essere in grado di comprendere il gergo utilizzato nell’industria del mobile. Il nostro team, composto da professionisti, vi fornisce quotidianamente preziosi consigli.
  • Capire le sfumature: ci sono troppi divani per poter identificare con certezza quali sono buoni e quali no. Forse quello che sembra di bassa qualità a una persona si adatta perfettamente alle esigenze di un’altra.
  • Fidatevi anche di voi stessi: a volte, sotto la spinta di un venditore, alcune persone finiscono per farsi guidare e poi si pentono dell’acquisto, ma soprattutto per non avere preso in considerazione i propri sentimenti.

Lo scopo di questo lungo articolo non è quello di fornire una formula pronta per l’uso, ma piuttosto di gettare le basi per poter elaborare un’analisi accurata ed identificare i punti deboli e i punti di forza.

Applicando queste semplici linee guida sarete in grado di fare una scelta molto più pertinente.

Come scegliere un divano

Altri articoli che potrebbero interessarvi:

Rossella Vignoli

Sono laureata in architettura presso la facoltà di Architettura di Genova e sono appassionata di soluzioni di arredamento di interni.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button