La finta muratura in cucina: di cosa si tratta?

Scopriamo pro e contro della finta muratura in cucina, una soluzione che strizza l’occhio alla tradizione e che permette di personalizzare l’ambiente in modo notevole.

La finta muratura è una soluzione molto particolare, che attraverso l’impiego di materiali non cementizi crea una struttura della cucina molto simile alla muratura stessa.

Di cosa si tratta nello specifico? Le cucine in muratura vengono spesso realizzate in cemento, pietra e magari definite con porzioni di pietre e ciottoli per creare delle sezioni ‘faccia a vista’. Si tratta di materiali che hanno bisogno di un murature o di un esperto del settore per essere impiegati e per dare vita ad un lavoro ben fatto.

Il fascino della cucina in muratura risiede, infatti, nella sua solidità e nella sua stile ‘retro” ma non tutti possono permettersi soluzioni di questo tipo, quindi si rivolgono ad una finta muratura che si rivela più semplice da introdurre e più facile da togliere.

Finta muratura in cucina: rivincita della tradizione, ma con materiali moderni

La riscoperta della tradizione si sposa con un impiego dei materiali più duttile ed elastico. Ci si può rivolgere al legno, agli impiallacciati e ai truciolati, ma anche alle piastrelle, al grès porcellanato e ai mattoni per completare l’opera.

finta muratura in cucina




Solitamente il legno viene impiegato per dare vita alle strutture della cucina in finta muratura, le quali vengono definite con un sistema di rivestimento che richiama in tutto e per tutto l’intonaco. Nelle versioni più moderne di tratta di colori ed effetti di vernici molto particolari, che una volta applicate richiamano perfettamente la vera muratura. Il tutto può completarsi con top e sezioni decorative realizzate con mattoncini, con piastrelle in ceramica o in grès porcellanato, materiali duttili che aumentano il richiamo retrò dell’intera struttura.

SPECIALE: Aerazione cucina, come farla al meglio

Finta muratura in cucina: come viene fatta?

Spesso le cucine in finta muratura vengono realizzate in laboratorio e poi sono montate nelle abitazioni, corredate con i top e con le porzioni decorative e quindi finite con gli elettrodomestici del caso.

In commercio si incontrano delle vere e proprie meraviglie, che riportano giochi di angoli, di nicchie e di sistemi aerei davvero speciali. Le versioni più moderne di cucine in finte muratura nascondono inoltre deliziose sezioni contenitive e tanti spazi interni, soprattutto estraibili, perfetti per appoggiare i cibi e i piccoli elettrodomestici regalando ordine all’ambiente. In facciata la cucina in finta muratura si rivela quindi molto classica, ma al suo interno può nascondere una vera e propria anima high tech!

I benefici della finta muratura in cucina

Quali sono i benefici della cucina in finta muratura? Innanzitutto si tratta di elementi che non vengono fissati al pavimento o al muro, quindi possono essere tolti con più semplicità quando ci si stanca o si trasloca o per motivi di diversa natura.




Un beneficio interessa anche il costo, ma se la cucina in finta muratura si presenta ben realizzata e ricca di decorazioni e di sistemi interni essa non si discosta più di tanto dal lavoro eseguito in vera muratura, anzi. Alcune soluzioni di finta muratura sono molto costose, perché vengono realizzate con materiali di prim’ordine e accessoriate con tanti elementi complementari.

Sicuramente un vantaggio della cucina in finta muratura è la versatilità, ovvero la possibilità di acquistare un prodotto ‘chiavi in mano’, anche creato secondo progetto personale, che viene installato in tempi brevi nell’abitazione e che quindi non richiede settimane di tempo per essere realizzata.

Tante altre idee utili per arredare la cucina:

{ 0 comments }

ELENA

TI E PIACIUTO L' ARTICOLO?