Come rivestire la cucina: i materiali migliori, foto ed esempi

Eccovi la nostra guida alla scelta dei migliori materiali su come rivestire la cucina.

Scegliere i rivestimenti per la cucina è un’avventura affascinante, in quanto da essi dipende molto dell’estetica e della funzionalità dell’ambiente.

I rivestimenti devono, infatti, tenere conto in egual misura del lato funzionale e dello stile, per cui combinare con intelligenza questi due aspetti.

  • Da un lato, i materiali devono essere impermeabili e traspiranti, in quanto la cucina è un ambiente umido dove si formano fumi di cottura e molta condensa.
  • D’altro canto, i materiali devono essere salubri, facili da pulire, versatili e piacevoli alla vista perché la cucina possa essere vissuta nella massima libertà e regalare tanto stile agli abitanti.
Come rivestire la cucina

Come rivestire la cucina: i materiali migliori

Come rivestire la cucina: il gres porcellanato

Un buon materiale da impiegare si rivela indubbiamente il gres porcellanato.




  • Questo composto minerale si avvicina di gran lunga alla ceramica, propone un costo contenuto e nel tempo ha subito un’importante evoluzione stilistica.
  • I blocchi di gres porcellanato effetto pietra sono facili da lavare, sono impermeabili, antibatterici e antimuffa, per cui si rivelano ideali per la cucina.

Leggi anche: Come arredare una cucina: idee e suggerimenti pratici

Alcuni esempi di materiale vengono impiegati anche per rivestire le pareti, in quanto il gres porcellanato è traspirante e lascia quindi respirare i muri, evitando la formazione dell’umidità. Il gres può essere scelto in molte versioni diverse, dall’effetto legno fino allo stile cemento, dal cotto fino alle piastrelle, in quanto si tratta di un materiale duttile, che si presta ad essere decorato in mille e più modi.

Come rivestire la cucina: la resina

Un altro materiale intelligente per il rivestimento della cucina è la resina. Si tratta di una scelta figlia dell’industria alimentare, che negli ultimi tempi ha scoperto una grande diffusione anche negli ambienti domestici.

  • Salubre, resistente e completamente atossica, la resina può essere sfruttata sia nella definizione die pavimenti che nella concezione delle pareti, nonché impiegata nella definizione dei mobili della cucina.
  • La resina origina soluzioni uniche, in quanto unica è ogni singola colata di materiale.

Chi ama le soluzioni creative può quindi sbizzarrirsi con i colori e dare vita ad una cucina giovane quanto personale.

Vi consigliamo di leggere la nostra guida proprio sulla resina in cucina: Resina per cucina: pareti, pannelli e rivestimenti

Come rivestire la cucina: le piastrelle in ceramica

 Nella scelta dei materiali migliori per la cucina non possono mancare la care vecchie piastrelle in ceramica. Se questo materiale è stato impiegato per decenni un motivo c’è, eccome, in quanto si tratta di una soluzione versatile, fatta per durare per molto tempo e facilissima da gestire.




Suggerimento: scoprite la nostra guida completa alla scelta delle piastrelle per la cucina

Grazie alla riscoperta di stili vintage, molte aziende stanno rivalutando il fascino delle care piastrelle, proponendo collezioni meravigliose che meritano di essere considerate come una piacevole alternativa.

  • Le piastrelle in ceramica sono elementi facilissimi da pulire, sono atossiche, antimuffa e antibatteriche, nonché si presentano completamente impermeabili.

A conti fatti, si tratta di una soluzione economica, che può essere proposta non solo nel pavimento della cucina, ma che può accompagnare con facilità anche le pareti e le sezioni più difficili della muratura, come la porzione attigua al piano cottura o al lavandino.

Scoprite anche questi altri suggerimenti molto interessanti:

Outbrain
{ 0 comments }

ELENA

TI E PIACIUTO L' ARTICOLO?

Lascia un commento

Risolvi il quiz * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.