La carta negli elementi di design: creatività e sostenibilità

La carta viene sempre più impiegata negli elementi di design, dando vita ad oggetti e soluzioni davvero originali. Abbiamo selezionato per voi alcune delle proposte più simpatiche e geniali.

La carta è un materiale eclettico, leggero e che talvolta può presentare un’anima green. Quando incontra la passione e il genio di chi riesce a trasformare un progetto in realtà, possono venirne fuori davvero degli oggetti incredibili.

A dispetto di quanto si pensi, riciclando il cartone e lavorandolo con le opportune tecniche, si possono realizzare basi robuste e resistenti, capaci di sorreggere anche diversi kg di peso.

Vediamo alcuni esempi di elementi di design realizzati in carta, perfetti per un arredo moderno e sostenibile.

Carta e illuminazione: universi compatibili?

Carta e illuminazione apparentemente sembrano due universi diversi e completamente separati, ma i grandi designer hanno saputo dimostrare il contrario. Il primo pensiero è difatti la grande infiammabilità della carta e la sua scarsa tenuta e robustezza.




Stando ai trend del momento, chi pensa questo dell’accoppiata sembra proprio sbagliarsi, in quanto l’impiego della carta nel settore dell’illuminazione d’interni sta diventando un vero e proprio must.

Le lanterne orientali e molte lampade da interni realizzate con base cartacea hanno spopolato e spopolano tutt’ora nell’arredamento globale.

La carta impiegata in questi ultimi tempi si rivela diversa, in quanto figlia del riciclo e lavorata con speciali tecniche che ne garantiscono un uso prolungato e una buona resistenza all’usura.

Si tratta di cartoni che vengono realizzati impiegando grandi catene di riciclo della carta comune e che vengono lavorati con acidi meno invasivi rispetto al passato. Quello che ne viene fuori è un materiale robusto e talvolta anche impermeabile.

Se a queste caratteristiche si aggiunge la possibilità di impiegare vernici atossiche, realizzate con base acquosa e quindi prive di sostanze pericolose, si incontra finalmente il mix perfetto per generare degli elementi di illuminazione belli ed eco sostenibili.




Carta e illuminazione sono quindi compatibili? La risposta è , in quanto sempre più designer stanno impiegando questo materiale con ottimi risultati, ottenendo elementi di illuminazione belli e piacevoli nel loro design finale.

Noi siamo andati a scovare alcune delle proposte più originali.

Mylamp

Mylamp è la lampada di design realizzata completamente in cartone riciclato. Si tratta di un interessante progetto fai da te, in quanto la lampada viene fornita smontata, in una bella scatola dotata di tutte le istruzioni.

Facile da assemblare, Mylamp può essere impiegata come un’applique da parete oppure come una simpatica lampada da tavolo.

mylamp lampada di carta




Kubedesign

Sono esempi felici di questo connubio gli elementi realizzati da Kubedesign, forse fra i pionieri del genere.

Questi professionisti hanno dato vita a lampade da tavolo realizzate in cartone tridimensionale dall’allure retrò, come per la collezione Old. Oppure ne troviamo di spiritose e metropolitane per la collezione Metrò.

Progetto Fattelo

Un passo in più è stato fatto dal progetto Fattelo! che riunisce un gruppo di designer dalla forte vocazione green. Nato nel 2012 grazie ad una raccolta in crowdfunding, Fattelo! ha dato vita al primo prototipo di lampada costruibile con cartone.

Si chiama Lamp 01 ed è possibile acquistare il kit per montarla, seguendo l’antica arte degli origami. In alternativa si possono scaricare le istruzioni per realizzarla con qualsiasi tipologia di cartone, anche con quello della pizza.




Il progetto ha visto aggiungersi un’altra lampada in materiale riciclato, Noctambula. In questo caso il materiale non è più il cartone ma il tetrapack. Parliamo comunque di un materiale facilmente reperibile, impiegato per realizzare il packaging di tanti alimenti e bibite di largo consumo.

Anche in questo caso è possibile acquistare il kit con i materiali pronti direttamente dal sito, oppure scaricare le istruzioni e impiegare del tetrapack di riciclo. Gli altri componenti possono essere presi in ferramenta e nei negozi che vendono materiale elettrico.

Blow Sofa: il divano di carta

Può il divano essere realizzato in carta? A quanto pare sì e le frontiere del design ce lo dimostrano con Blow Sofa.

Si tratta di un progetto firmato Malafor che si compone di carta riciclata opportunamente trattata. Può essere gonfiato e sgonfiato a piacimento, ogni volta che si ha voglia di relax.




blow sofa divano di carta

Fabriano: il cestino di carta per la carta

Se la carta si butta nel cestino, anche il cestino può essere fatto di carta. Ce lo propone Fabriano, un cestino sul cestino. In altre parole si tratta di un prodotto composto da cinquanta cestini di carta impilati uno dentro l’altro. Danno vita così ad una struttura solida che viene svuotata un po’ per volta e quindi completamente riciclata.

fabriano cestino di carta

La scrivania di carta dello studio Goodstuph

Veniamo ora ad analizzare un fenomeno molto diffuso all’estero che sta per fortuna approdando anche nel nostro paese. Quante volte abbiamo trovato noioso smaltire l’imballaggio degli elettrodomestici oppure i pacchi postali?

Si tratta di tanta carta e di tanto cartone, che vengono impiegati per una volta e poi buttati via, sicuramente riciclati ma che peccato!




Un’azienda ha meditato su tanto spreco e ha deciso di realizzare un sistema di imballaggio che una volta impiegato può trasformarsi in comodo mobilio.

Fantascienza? No, si tratta della soluzione commissionata dalla Hewlett-Packard per il lancio della nuova workstation HP Z1. L’azienda ha richiesto a molti designer di ideare un imballo che poi potesse trasformarsi in un comodo supporto per la stampante, in modo da non sprecare il cartone impiegato per la confezione.

Ha vinto lo studio Goodstuph che ha trasformato l’imballo in una scrivania che può sostenere ben 30 kg di peso. Incredibile vero?

goodstuph hp in carta

La scacchiera Paperloo

Anche i migliori momenti di svago possono essere sostenibili e il design offre tutto il suo aiuto. Accade con la scacchiera Paperloo, ideata da Andrea Vecera.




Un progetto molto piacevole che propone il gioco degli scacchi su una base completamente realizzata in cartone riciclato. Bello, eco-sostenibile e infinitamente divertente!

paperloo scacchiera di carta

Ami il green design e il riciclo dei materiali? Allora non perdere questi approfondimenti:

Outbrain
{ 0 comments }

ELENA

TI E PIACIUTO L' ARTICOLO?

Lascia un commento

Risolvi il quiz * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.