Tisettanta e cucine Elam, mobili contemporanei di alta qualità e design

Speciale Tisettanta cucine Elam. Scopriamo i mobili e le cucine di questa azienda che sono stati disegnati in da noti artisti del design tra cui Antonio Citterio, Paolo Piva, Marco Zanuso e Luca Scacchetti. Ci concentreremo in particolare sulle cucine Elam con una recensione di alcuni modelli.

Storia ed origine di questa azienda

Tisettanta è un marchio italiano leader nel settore del design e dell’arredamento sin dal 1970 quando venne fondata in provincia di Como.

Durante l’età dell’oro del design italiano, abbiamo assistito all’industrializzazione e alla democratizzazione dei mobili, che sono diventati più accessibili per un pubblico sempre più importante.

Tisettanta ha migliorato la qualità del prodotto attraverso lo sviluppo dei propri siti produttivi ed ha favorito l’evoluzione del design da produzione elitaria a design industriale.

Questa evoluzione del design italiano è percepita da Tisettanta come un adattamento alle nuove condizioni socio-culturali e ai nuovi stili di vita che si riflettono inevitabilmente nella modularità dei programmi presentati.

Cucine Elam

Elam partecipa con successo alla storia del design italiano. Dal 1954, in collaborazione con i migliori designer, rafforza la sua presenza sul mercato internazionale proponendo una gamma caratterizzata da prodotti di alto “design” che valorizzano la funzione e la dignità dei materiali.

Il catalogo di cucine Elam nel suo complesso si basa su un preciso concetto di ricerca volto alla qualità e alla durata nel tempo.

La competenza specifica dell’azienda da un lato, e l’utilizzo di tecnologie e materiali adeguati dall’altro, permettono la realizzazione di un prodotto apprezzato per la sua tecnica, le sue finiture e il suo assemblaggio.

Le cucine Elam sono caratterizzate da una modernità essenziale ed elegante. Le collezioni raccontano la storia del design e le sue tendenze attuali, e segnano lo spazio cucina con un gusto contemporaneo bilanciato da una tradizione culturale unica che diventa stile nel tempo.

Vediamo ora una panoramica dei modelli di cucine Elam più famosi

Cucina Brera

Modello caratterizzato dalla maniglia perfettamente integrata, elemento distintivo che personalizza le superfici di ante e cassetti.

Cucina Brera Elam by Tisettanta

Cucina Brera

Il nuovo ed esclusivo piano di lavoro completamente incassato crea un design assolutamente unico che permette l’integrazione di questa cucina in un “Open Space”. L’ampia scelta di materiali permette di trovare soluzioni originali per creare nuove atmosfere.

Cucina Soya

In questa cucina con isola l’innovazione non è fine a se stessa, ma al contrario ricerca soluzioni concrete, per abbellire e semplificare la vita.

In questo modo è possibile utilizzare qualsiasi spazio e allo stesso tempo accedere facilmente al piano di lavoro.

Cucina elam

Cucina Elam Soya

I piani di lavoro sono profondi 80 cm: questo permette di dotare la parte posteriore di diversi accessori. I piani in acciaio hanno una caratteristica bordatura a 45° che “cancella” visivamente lo spessore.

Il risultato è libertà d’uso e di composizione, ma anche sensazione di libertà. Dalla modernità dell’alluminio all’eleganza della laccatura bianca in marmo di Carrara.

Altri modelli di cucine

Molto bella anche la cucina a vista Vision con elementi in pietra e laccatura delle colonne alternate dalle trasparenze del vetro. Questo modello è stato disegnato da F. Pedrazzani.

E per finire il modello Plus: una cucina molto semplice e elegante, con una gola in alluminio e senza maniglie.

Riferimenti e contatti aziendali

Ecco come venire in contatto con questa azienda protagonista del design italiano con una gamma esclusiva di mobili contemporanei di alta qualità.

  • Indirizzo della sede: Via Pietro Mascagni, 56/58 a Mariano Comense in provincia di Come
  • Numero di telefono: 031 355 18 60
  • Indirizzi e-mail: info@tisettanta.it – info@elam.it
  • Pagina Facebook
  • Sito Web

Altri marchi di prestigio da scoprire

Per la vostra cucina, suggestioni ed ispirazioni.

{ 0 comments }

ADMIN

TI E PIACIUTO L' ARTICOLO?

Lascia un commento