I nostri suggerimenti per utilizzare l’aceto in lavatrice per migliorare il lavaggio

Come utilizzare l’aceto per il lavaggio in lavatrice: ecco un altro consiglio tutto naturale e veloce per rinforzare i vostri tessuti e mantenere la lavatrice in ottimo stato.

Esistono migliaia di prodotti per il bucato in lavatrice…ed esiste anche un metodo semplice ed economico e alla portata di tutti: usare aceto bianco.

L’aceto ha infatti moltissime proprietà che possono essere sfruttate efficacemente anche per il bucato e lo rendono perfetto per molti usi tanto da poter sostituire gli equivalenti chimici in commercio.

L’aceto è anche un ottimo disinfettante naturale.

Nella maggior parte dei casi ciò che serve è aceto puro o una miscela di aceto e acqua, da versare direttamente nella lavatrice.

Questo rimedio è davvero economico: una bottiglia da 1 litro di aceto di vino bianco costa meno di 1 euro.

Non è necessario acquistare un aceto di alta qualità da usare in lavatrice: va benissimo quello del discount.

Se spaventa l’idea che sul bucato possa rimanere l’odore di aceto non preoccupatevi: una volta asciutti i panni sanno solo di pulito.

L’aceto è un vero e proprio alleato delle pulizie domestiche ed è amico del bucato. Questo ingrediente naturale presenta, infatti, principi ammorbidenti, sgrassanti e decalcificanti.

Grazie a queste proprietà quindi può essere impiegato nel bucato e nella gestione della lavatrice in tutta semplicità e sicurezza.

Come utilizzare l'aceto per il lavaggio in lavatrice

Come utilizzare l’aceto per il lavaggio in lavatrice

Come utilizzare l’aceto per il lavaggio in lavatrice: i passaggi

Vediamo quindi come utilizzare l’aceto per il lavaggio in lavatrice in pochi e semplici gesti. Questo vi consentirà di muovervi in piena sicurezza per ottenere risultati soddisfacenti.

Aggiungete l’aceto al detersivo per la lavatrice

La prima regola per utilizzare l’aceto per il lavaggio in lavatrice ci chiede di impiegarlo in aggiunta al normale sapone per il bucato.

Proprio così perché, a differenza di quanto possiamo credere, l’aceto non rilascia il suo tipico odore pungente. Anzi, impiegato in questo modo, esalta il profumo del detergente per bucato e rende i capi molto più puliti e morbidi.

Aggiungiamo quindi nello scomparto del detersivo una mistura composta di ¾ di aceto e ¼ di acqua e poi aggiungiamo la consueta dose di detersivo per il bucato. Procediamo quindi con il classico lavaggio dei capi. Alla fine del ciclo ci accorgeremo che la biancheria sarà morbida e molto più profumata del solito.

Mettete l’aceto anche nel cestello

La seconda regola nell’utilizzare l’aceto per il lavaggio in lavatrice è ancor più semplice e ci chiede di aggiungere mezzo bicchiere di aceto direttamente nel cestello dei capi.

Questa tecnica è particolarmente valida per i capi bianchi e i capi neri. L’aceto aiuta, infatti a rendere i bianchi più bianchi e a ravvivare il nero naturale dei capi, provare per credere!

Come utilizzare l’aceto per il lavaggio in lavatrice: benefici per il nostro elettrodomestico

Ma l’aceto non è solo un alleato del bucato, ma un vero e proprio amico della lavatrice. Molto spesso, a causa del calcare presente nell’acqua e dei residui di saponi, la lavatrice può presentare cattivi odori, quando non presentare malfunzionamenti.

Una volta al mese aggiungiamo una bottiglia di aceto a vuoto nel cestello e facciamo partire il lavaggio a 90° senza la centrifuga. In questo modo l’aceto lavora sui componenti della lavatrice, soprattutto sullo scarico, perché addizionato dall’alta temperatura dell’acqua. Il risultato è una lavatrice pulita, ben funzionante e priva di cattivi odori.

Ecco che l’aceto, se usato con costanza, ci aiuta anche a risolvere il problema del calcare, che si può formare sugli ingranaggi e anche sulle tubazioni. Impiegando l’aceto con costanza eviteremo di dover acquistare prodotti costosi e che sono spesso nocivi per l’ambiente.

L’aceto è, infatti, un prodotto naturale che non fa male all’ambiente e presenta un costo davvero economico.

La guida per utilizzare l’aceto per il lavaggio in lavatrice ci spiega anche che questo prodotto può essere impiegato diluito con acqua e limone per pulire la sezione esterna dell’elettrodomestico, anche l’oblò e le vaschette.

Si tratta, infatti, di una mistura semplice quanto efficace, che pulisce, profuma e sgrassa ogni tipo di superficie lasciandola pulita e brillante.

Dove si mette l’aceto in lavatrice?

Intanto è possibile usare l’aceto come prelavaggio se il capo è particolarmente sporco ( in un a bacinella a mollo). L’aceto può essere usato sia per il lavaggio dei capi colorati sia per quelli bianchi.

Mettere aceto solo nella vascetta dell’ammorbidente.

Si utilizza seguendo il solito procedimento: vanno divisi i capi per colore, si carica la lavatrice e si mette la dose abituale di detersivo (ancora meglio se bio) nell’apposita vaschetta.

L’aceto essendo una sostanza acida non va mai versato nella vaschetta insieme al detersivo che, per sua natura, è alcalino, potrebbe comprometterne l’effetto.

L’aceto va versato direttamente nella vaschetta dell’ammorbidente, entrerà in circolo durante il risciacquo, cioè quando il detersivo sarà già stato sciacquato dai capi.

Le dosi per il lavaggio con aceto

La quantità varia a seconda dei chili di bucato ma di solito non ne serve molto. E’ sufficiente mezzo bicchiere di aceto bianco (circa 100 ml) per un lavaggio a pieno carico meglio se già diluito con una parte di acqua.
A lavaggio concluso i vestiti non puzzeranno di aceto: il ciclo di risciacquo e lo stesso detersivo elimineranno ogni traccia del suo odore.




Con l’aceto si può disinfettare la lavatrice.

Aceto come anticalcare e per la pulizia della lavatrice

L’aceto è un ottimo pulisci lavatrice: questa azione si verifica in automatico ogni volta che effettuate lavaggi in acqua calda per cui oltre a proteggere i vostri capi l’aceto proteggerà la lavatrice e persino le tubature dal calcare.

L’aceto è utile per moltissimi usi casalinghi, ad esempio è anche un potente anticalcare naturale che può essere usato su tutta la rubinetteria e sui sanitari.

Si consiglia di scaldarlo e lasciarlo agire a contatto con il calcare per qualche minuto.

Con un panno morbido e imbevuto di aceto bianco intiepidito è possibile anche pulire direttamente la guarnizione dell’oblò dove è più facile che, a causa dell’umidità trattenuta, si formino muffe e si depositi sporcizia.

Per profumare l’aceto da utilizzare in lavatrice usare olii essenziali o lavanda.




La lavatrice risulterà più protetta dalla formazione di muffe potenzialmente pericolose.

  • Si consiglia anche di effettuare mensilmente un lavaggio a vuoto, ad alte temperature (almeno 60 gradi) inserendo un litro di aceto nel cestello: è perfetto per mantenere la lavatrice e tenerla sempre profumata.
  • Per potenziarne l’efficacia potete aggiungere 2-3 gocce un antimicotico e antibatterico. Anche il filtro, anche quest’ultimo può essere lavato con acqua tiepida e aceto.

Aceto e bicarbonato per maggiore efficacia sui capi bianchi

Per ottenere un effetto smacchiante immediato potete aggiungere anche un cucchiaio di bicarbonato, la loro reazione immediata faciliterà la rimozione delle macchie e neutralizzerà gli odori.

  • Sfregate per alcuni secondi e poi lasciate riposare per 10 minuti.
  • Dopo di che, lavate il capo normalmente in lavatrice.

 Come rendere gradevole il profumo dell’aceto

Si consiglia di aggiungere qualche goccia di olio essenziale agli agrumi o alla lavanda per conferirgli un piacevole aroma all’aceto.

Si può preparare una bottiglia di aceto aggiungendo 2 o 3 cucchiai di fiori o erbette aromatiche (la lavanda è perfetta) e tenerla da utilizzare per la biancheria.

Vantaggi: perchè usare l’aceto nella lavatrice

L’aceto può sostituire l’ammorbidente per il bucato.

I vantaggi di usare l’aceto per il bucato sono molti, vediamo i principali.




Non inquina

Non tutti infatti sanno che l’ammorbidente classico per il bucato che si trova comunemente in commercio, è un prodotto molto inquinante persino più del detersivo stesso.

Rende la biancheria morbida in modo naturale

Non tutti sanno infatti che la morbidezza conferita ai capi dall’ammorbidente chimico dipende da uno strato oleoso di prodotto che si incolla alle fibre e che a lungo andare tende a rovinare i tessuti e a lasciare aloni.

Rimuove gli aloni dei deodoranti.

A volte i deodoranti che utilizziamo lasciano sui nostri capi degli antiestetici aloni La sua componente acida li dissolverà in un attimo.

Elimina i residui di detersivo

L’azione dell’aceto favorisce la degradazione naturale di enzimi e residui di detersivi, contribuendo a eliminare la potenziale carica allergenica rimasta nei tessuti. Non tutti sanno che i detersivi e saponi chimici possono essere causa di allergie e prurito, l’effetto si sente in particolare sulle parti intime dove la pelle (ma anche le mucose) è costretta ad un contatto più diretto con la biancheria.

Non lascia odori sui capi

I cattivi odori, soprattutto quelli di cucina e di sigaretta, tendono a fissarsi sui capi che indossiamo. Aggiungere mezza tazza di aceto bianco direttamente sui capi quando si fa un lavaggio in lavatrice aumenta il potere pulente del detersivo e rende i colori più intensi e brillanti.

Toglie le macchie ostinate

Se non riuscite a rimuovere delle macchie ostinate sui vostri capi provate a metterli in ammollo in una bacinella contenente acqua calda e mezza tazza di aceto bianco. Lasciateli li tutta la notte e al mattino lavateli come di consueto. In alternativa potete spruzzare dell’aceto puro direttamente sulle macchie e frizionare.




Elimina la carica elettrostatica

Alcuni tessuti tendono ad accumulare carica elettrostatica. Se questo vi infastidisce prima di lavarli metteteli in ammollo per mezz’ora in una bacinella con acqua e 6 cucchiai di aceto bianco.

Disinfetta

Si tratta, infatti, di un potente disinfettante ma allo stesso tempo delicato sulla pelle. L’aceto è utile, in generale, nella pulizia di tutta la casa.

E’ economico

Per l’uso domestico e non alimentare è sufficiente un aceto da meno di un euro.

Ravviva i colori

L’aceto non solo ammorbidisce i tessuti ma rispetta e ravviva il colore dei capi, riaccendendo la tonalità che hanno perso un po’ la resa a causa dei lavaggi frequenti.

Toglie l’odore di chiuso o umidità

L’aceto in lavatrice è utile per rinfrescare i vestiti che abbiamo il classico odore di ‘chiuso’ a volte difficile da eliminare. Può anche accadere di dimenticare il bucato in lavatrice: l’odore di umidità che si crea è insopportabile e l’aceto aiuta.·

Altri consigli per il vostro bucato

Ecco tanti suggerimenti specifici per il bucato in lavatrice ed anche anche tanti consigli per asciugare i vostri vestiti al meglio.

{ 0 comments }

ELENA

TI E PIACIUTO L' ARTICOLO?

Lascia un commento