Tanti materiali diversi ed esempi di carta da parati per il vostro bagno

Tutto sulla carta da parati per bagno. Eccovi tutti i nostri suggerimenti per adottare questo rivestimento anche in bagno, dai materiali più resistenti alla cura e manutenzione.

Lavabile ed impermeabile

La carta da parati ha avuto un’evoluzione importante nella sua natura, in quanto la composizione si è avvicinata a quella di molti materiali edili.

Oggi è impermeabile, resistente all’umidità e quindi adatta anche ad essere inserita in ambienti speciali come la cucina e il bagno.

Carta da parati per bagno

Carta da parati per bagno: bello questo esempio!

Un tempo la carta da parati era realizzata con semplice carta rafforzata, talvolta migliorata con la stesura di vernici che ne garantivano la resistenza nel tempo.

Scoprite il nostro speciale proprio sulla carta da parati vinilica online

Le colle che venivano impiegate e la superficie stessa della carta non potevano però reggere l’umidità, per cui la carta si scollava, si macchiava e veniva anche attaccata da sedimenti di muffe e batteri.

Carta da parati per bagno in vinile: molto resistente

Al giorno d’oggi tutto è cambiato, in quanto il materiale si propone molto più resistente, soprattutto nella sua versione vinilica.

La versione vinilica presenta una composizione plastica, che può essere realizzata mediante un composto di vernici impiegate nella stampa o con l’impiego del cosiddetto ‘tessuto non tessuto’, un materiale che richiama la stoffa ma che si presenta completamente impermeabile.

Impermeabile, in questo caso, significa lavabile, per cui le superfici del bagno possono essere lavate anche se ricoperte dalla carta da parati.

Questa evoluzione ha permesso l’entrata in commercio di molte tipologie di carta da parati, rese resistenti dalla lavorazione e quindi facili da introdurre nel bagno.

carta da parati per bagno

Inattaccabili da muffe e batteri

Dal punto di vista dell’igiene, queste carte da parati sono inattaccabili da muffe e batteri, in quanto si tratta di composizioni plastiche, sono impermeabili e quindi rigettano la condensa.

Al contempo, le colle impiegati sono molto più resistenti di un tempo, per cui non c’è pericolo che il cambio repentino di temperatura, l’umidità stessa e talvolta la scarsa luce possano portare allo scollamento del materiale.

Carta da parati per bagno in fibra di vetro

Un’altra alternativa al vinile e al tessuto è la carta da parati in fibra di vetro, molto piacevole in quanto ripropone effetti anche tessili nelle pareti, presentandosi lavabile e resistente ed adatta anche a bagni moderni.

Come manutenerla

In ogni caso, la manutenzione della carta da parati per bagno deve essere curata, perché si tratta comunque di un materiale con base cartacea.

Niente sfregamenti insistenti o prodotti aggressivi, ma un semplice panno con acqua è sufficiente per pulire con cura la sua superficie.

Una durata lunga

Un aspetto che merita di essere considerato nella scelta è il tempo in cui debba essere cambiata.

La carta da parati vinilica, il TNT e la carta in fibre di vetro presentano una buona durata nel corso del tempo.

Attenzione. non è paragonabile con gli altri materiali di rivestimento come il gres porcellanato, la ceramica o le resine. Ecco quindi che periodicamente potrebbe essere necessario cambiarla.

I modelli di ultima generazione possono comunque essere tolti con relativa facilità, come ad esempio le carte da parati adesive.

Approfondimento: scoprite anche la pietra Naturale in Bagno ed il suo utilizzo come rivestimento delle pareti

Prezzi

In commercio esistono carte da parati per il bagno di ogni tipologia, dalle più scenografiche  e costose, fino alle personalizzabili e a quelle più semplici ed economiche.

Tutte sono caratterizzate da una grande facilità nel montaggio e nel successivo smontaggio.

Ecco altri approfondimenti sulla carta da parati:

Altri consigli per il bagno

Se volete leggere altre idee di arredamento per il vostro bagno, al netto della carta da parati, eccovi altre idee e suggerimenti molto interessanti:

{ 0 comments }

ELENA

TI E PIACIUTO L' ARTICOLO?

Lascia un commento