Guida pratica per cambiare colore ai mobili in laminato, tutto il necessario e il procedimento passo passo

Imparare a cambiare colore ai mobili in laminato, dando nuova veste ai mobili di sempre, senza spendere cifre da capogiro e ottenendo un lavoro pulito ed accurato. Una guida facile che vi accompagnerà passo dopo passo.

Cambiare colore ai mobili in laminato: la guida pratica

Se avete voglia di rinnovare casa, ma il vostro budget è limitato, non è detto che si debba necessariamente aspettare di mettere da parte un bel gruzzoletto per poter acquistare del mobilio nuovo.



Oggi fortunatamente in commercio esistono tanti prodotti che possono venirci incontro, consentendo di modificare colori e tonalità ai nostri mobili in laminato.

Il laminato è un materiale impiegato spesso come rivestimento, soprattutto per la realizzazione dei mobili della cucina. Lo troviamo in realtà anche nella realizzazione di parquet in laminato, dagli effetti davvero sorprendenti.

Per cambiare colore ai mobili in laminato può bastare semplicemente una variazione cromatica ed è così che si viene a creare un gioco di luci e ombre. Si può quindi virare verso uno stile specifico o personalizzare a modo proprio un ambiente.

Prima di cominciare, acquistate sempre prodotti di marca per essere certi della loro qualità e a garanzia dei potenziali livelli di inquinamento ambientale.

Andiamo dunque al sodo e vediamo come procedere.

Cosa ci serve

Per iniziare avrete bisogno di questi prodotti e attrezzi:

  • Scotch di carta
  • Pennelli e guanti in lattice
  • Sgrassatore o alcool
  • Carta abrasiva
  • Smalto all’acqua
  • Prodotto vetrificante.

Li potete reperire in qualsiasi ferramenta o negozio per il fai da te. Fatevi sempre consigliare da un esperto per scegliere con cura i prodotti migliori e che rispondano al caso vostro.



Pronti per iniziare?

Smontate pomelli e accessori

Come prima operazione, sarà necessario eliminare maniglie e pomelli, di modo da poter lavorare sull’anta del mobile senza danneggiare altri pezzi. Così si potrà stendere il prodotto senza problemi.

Se questo passaggio non è possibile, passate a ricoprirli con dello scotch di carta.

Noi consigliamo vivamente di smontare direttamente le ante e poggiarle su un piano di lavoro, meglio se in una zona esterna alla casa. Andrete ad utilizzare difatti delle vernici che rilasciano inevitabilmente odori pregnanti, quindi l’ambiente dovrebbe essere ben arieggiato.

Pulite bene ogni superficie

Applicate uno sgrassatore o dell’alcool per poter liberare la superficie del laminato dallo sporco e dalle impurità. Bisogna procedere con fermezza e cautela, avendo cura di pulire tutto.

Potete anche ripassare con un panno inumidito di acqua, per dare un’ultima passata. Poi lasciate ad asciugare.

Iniziate a scartavetrare

Prima di poter cambiare colore al laminato, si dovrà eliminare ovviamente quello vecchio. Ecco quindi che ci viene in aiuto la vecchia spugnetta o carta abrasiva.

Passatela sui mobili effettuando dei movimenti circolari. Il risultato dovrà essere una superficie ruvida al tatto, opaca, dove il nuovo colore avrà modo di stendersi ed aderire in piena regola.

Per eliminare ogni traccia di polvere che si sarà venuta a creare, passate con un panno umido o date un colpo di aspirapolvere. In questo modo avrete la certezza di una superficie sgombra da ogni particella.

Passate lo smalto

A questo punto si può stendere una prima mano di smalto, meglio se optate per quello all’acqua. Questi sono molto più sicuri per la nostra salute e difatti vengono suggeriti proprio per i piccoli lavori all’interno delle abitazioni.



La scelta dello smalto è molto delicata, in quanto questo è il momento in cui andrete concretamente a cambiare colore ai mobili in laminato.

Le pennellate vanno date nel senso della lunghezza, evitando di ripassare a macchie su alcune zone, altrimenti avrete un risultato disomogeneo.

Date minimo due mani, lasciando almeno 4 ore di intervallo tra una passata e l’altra. Lo smalto dovrà essere ben asciutto prima di stendere la mano successiva.

Stendete il vetrificante

Giunti a questo ultimo passaggio, non resta altro che applicare un prodotto vetrificante. Parliamo di un prodotto che dona appunto un piacevole effetto vetro, proteggendo quindi anche la vernice sottostante.

Essendo ovviamente trasparente, non farà che rinforzare ed esaltare ancora di più il colore che avremo scelto per i nostri mobili in laminato.

Altre guide per il fai da te

Segui anche questi approfondimenti per i tuoi piccoli lavoretti in casa:

{ 0 comments }

ALESSIA

TI E PIACIUTO L' ARTICOLO?

Lascia un commento