Esterni

Rastrelliera bici: come sceglierla e come realizzarne una fai da te

Tipologie, materiali, istruzioni per costruirla da solo e selezione di modelli in vendita

Speciale rastrelliera bici.

Sempre più persone, per muoversi in città, utilizzano la bicicletta. Oltre ad essere il mezzo più ecologico che ci sia, le bici rappresentano il mezzo più pratico per districarsi nel caos del traffico che, soprattutto nelle grandi città e negli orari di punta, crea veri e propri ingorghi.


Tuttavia, abitando in un condominio, il modo più sicuro ed ordinato per parcheggiare la propria bicicletta, è quella di posizionarla in una apposita rastrelliera.

Ma il porta bici rappresenta un accessorio utilissimo anche se si vive in una casa indipendente e in famiglia tutti possiedono una bici.

In commercio ne esistono svariati tipi e a più posti, ma non è difficile anche costruirsi da sé una rastrelliera.
Scopriamo qualcosa di più.

Rastrelliera bici: tipologie

Una caratteristica molto importante riguarda la tipologia di ancoraggio. La scelta dipende fondamentalmente dallo spazio libero a disposizione. Ecco le diverse tipologie di porta bici.

Porta bici da terra

La soluzione più pratica e funzionale, ideale per chi non ha grossi problemi di spazio. In base allo spazio a disposizione, è poi possibile scegliere tra


  • portabici monofrontali, che consentono la sosta delle biciclette da un unico lato
  • rastrelliere bifrontali che, a parità di dimensioni, permettono la sosta ad un numero maggiore di biciclette poiché il parcheggio è consentito su entrambi i lati

Porta bici a parete

La soluzione comoda per chi non ha la possibilità di occupare grandi superfici del suolo. Questa tipologia, infatti, consente di ridurre al minimo l’ingombro del suolo. Molto indicata per un utilizzo privato.

Rastrelliera a sviluppo verticale

Questa variante è un mix delle due tipologie appena descritte: l’intera struttura è sviluppata in altezza e non in profondità. Quindi, questa soluzione, garantisce un numero elevato di posti ottimizzando lo spazio a disposizione

Rastrelliere componibili

Infine, questa tipologia di porta bici, è stata pensata appositamente per uso privato e per la gestione di eventi. Si tratta infatti di rastrelliere dotate di una struttura completamente smontabile e modificabile in base alle diverse esigenze.



Rastrelliera bici: ancoraggio e installazione

Una volta scelta la tipologia che meglio si addice per le proprie esigenze e lo spazio a disposizione, va scelta la modalità di fissaggio.

Vediamo insieme quali sono le principali differenze per ogni tipologia di fissaggio:

  • porta bici da interrare o inghisare, ideali per creare zone di sosta permanenti, queste rastrelliere vengono ancorate al suolo tramite il processo di sigillatura con gettate di cemento
  • porta bici da tassellare: si tratta di strutture stabili che, però, in caso di necessità, possono venire rimosse agevolmente. Queste rastrelliere sono dotate di piastre forate per facilitare le operazioni di fissaggio; l’ancoraggio avviene tramite tasselli ad espansione facilmente removibili senza dover ricorrere a scavi e lavori di ripristino del suolo
  • porta bici amovibili: soluzione molto pratica, ma spesso più ingombrante. Questa tipologia di rastrelliere non richiede alcun tipo di ancoraggio al suolo poiché la struttura è resa stabile da appositi supporti laterali, in genere realizzati con materiale cementizio

Rastrelliera bici: materiali

Il grande nemico di una rastrelliera per le biciclette è rappresentato dalle intemperie. Per evitare che gli agenti atmosferici, col passare del tempo, corrodano e vadano a compromettere la struttura del porta bici, è fondamentale scegliere un prodotto realizzato con materiali di qualità.

I più diffusi, sono i porta bici in acciaio, un materiale particolarmente resistente e facile da pulire che, attraverso il processo di zincatura e verniciatura a polveri, risulta particolarmente resistente agli agenti corrosivi.

Altri materiali utilizzati per la realizzazione delle rastrelliere porta bici sono anche il cemento e il legno.
Grazie al suo peso elevato, il cemento viene spesso impiegato per i porta bici amovibili.
Le rastrelliere per le bici in legno sono diffuso, anche se rappresentano senza dubbio la scelta più ecologica.

Rastrelliera bici fai da te

Se si ha un minimo di esperienza con il bricolage e, in particolare, sulla lavorazione del ferro e l’utilizzo di una saldatrice, si potrebbe provare a realizzare una rastrelliera porta bici con le proprie mani.


Cosa serve

  • 6 traverse da 50 cm di altezza e cm 15
  • 2 pali da 1 metro segati

Come procedere

Posizionare due pali in maniera verticale ed inchiodarli, facendo in modo di lasciare libero uno spazio di almeno 6 cm, così da consentire alla ruota della bici di rimanere ferma.

Se si utilizza il ferro al posto del legno, allora occorrerà utilizzare una saldatrice.

Sistemare quindi le traverse lasciando uno spazio di 27 cm circa per posizionare l’altra coppia di traverse.

Come già spiegato, la rastrelliera può essere prodotta anche con altri materiali oltre che con il legno.

Per rendere più originale e personalizzata la rastrelliera, la potrete verniciare e decorare come più vi piace, magari facendovi aiutare, in questa fase, dai vostri bambini.

Infine, una volta pronta, posizionate la rastrelliera nello spazio precedentemente scelto e che risulta più comodo al suo utilizzo.

Consigli per la manutenzione

Nel caso abbiate scelto una rastrelliera in ferro, applicate sulla superficie una soluzione impregnante antiruggine.


Nel caso invece di una rastrelliera in legno, oltre alla vernice, vi consigliamo di applicare anche una soluzione di lucido per legno. Questo è particolarmente importante sia per conservare meglio il colore della vernice che per conservare l’integrità del materiale stesso.

Passiamo a questo punto ad una selezione di prodotti in vendita.

Rastrelliera bici Leroy Merlin

  • Rastrelliera 2 posti (370 x 270 cm ), in acciaio con finiture plastificate. Ideale per la sistemazione di bici e moto.
  • Rastrelliera bici da parete (29 x 100 cm), in alluminio e finiture galvanizzate.

Rastrelliera bici Amazon

Ampia scelta di prodotti anche su Amazon. Ecco qualche esempio.

  • Wiltec: rastrelliera per 4 o 5  biciclette in metallo zincato (95 x 33 x 27 cm)

Rastrelliera bici Ikea

BRANDUR: gancio per bicicletta, nero. Utilizzabile sia all’interno che all’esterno. In acciaio galvanizzato, questo gancio presenta un rivestimento a polvere: resistente, facile da pulire e protetto dalla ruggine.

Il prodotto va completato con il binario con 4 ganci BRANDUR, venduto a parte.

Caratteristiche tecniche

  • Profondità: 10 cm
  • Carico massimo/gancio: 20 kg

Rastrelliera bici Decathlon

  • Rastrelliera per 2 bici, da fissare a terra oppure al muro. 100% acciaio, lo spazio tra le 2 zone è di 220 mm, mentre lo spazio tra i 2 rail del supporto per riporre le bici è di 53 mm (misura interna).
    Le bici possono così essere sistemate una in un verso e l’altra nel verso opposto senza che si tocchino.
    Supporto compatibile con la stragrande maggioranza delle bici (sezione massima 2,25 pollici).
  • Rastrelliera per 5 bici. 100% acciaio, lo spazio tra le 2 zone è di 220 mm, mentre lo spazio tra i 2 rail del supporto per riporre le bici è di 53 mm (misura interna).
    Le bici possono così essere sistemate una in un verso e l’altra nel verso opposto senza che si tocchino.
    Supporto compatibile con la stragrande maggioranza delle bici (sezione massima 2,25 pollici).
  • Cavalletto da 1 bicicletta: supporto che permette di riporre la bici senza rovinarla, fissandola dal perno della ruota posteriore. Larghezza: 21 cm – Profondità: 30 cm – Spazio per il passaggio del perno della ruota: 2cm – Peso: 1,65 kg

Altre guide

Se ti è interessato questo articolo, ti potrebbero interessare anche questi post

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button