Cemento biodinamico: proprietà ed utilizzo nel Padiglione Italia ad Expo 2015

Scopriamo cosa sia il cemento biodinamico e come sia stato utilizzato anche ad Expo 2015 per realizzare il Padiglione Italia

Expo 2015 è un evento prettamente dedicato al cibo, ma in alcuni casi presenta degli spunti molto interessanti anche per chi ama il mondo della casa e desidera scoprire ispirazioni sempre nuove. In questo caso la novità vanno ricercate nel cemento impiegato per realizzare il Padiglione Italia, sicuramente uno dei più affascinanti e gettonati dell’intera kermesse.

cemento biodinamico: padiglione Italia

cemento biodinamico: utilizzato per la costruzione del Padiglione italia ad Expo 2015 a Milano

Si tratta di un cemento molto speciale, ovvero di un cemento biodinamico prodotto dalla società Italcementi che è stato impiegato per costruire l’intera facciata esterna del padiglione e anche alcune porzioni di interno. La struttura del Padiglione Italia è stata progettata dallo studio Nemesi e si presenta come un’intricata foresta, che però assume una veste molto più essenziale e meno naturale grazie alla scelta di impiegare questo particolare cemento, la quale caratteristica principale è un candore dai tratti disarmanti.

Tecnicamente il cemento impiegato si chiama i.active BIODYNAMIC ed è stato realizzato con la tecnologia Styl-Comp impiegando un materiale progettato e concepito nello spazio denominato ‘chilometro rosso’, un edificio che si può ammirare lungo l’autostrada A4 dove ha sede la base di ricerca della società Italcementi.

La componente biologica di questo cemento è data dalle sue proprietà fotocatalitiche, in quanto a contatto con il sole il cemento cattura delle particelle inquinanti e le trasforma in sali inerti. Questo passaggio permette al materiale di non alterare mai il suo candore originario  e al contempo libera, per quanto possibile, l’aria dallo smog.




Il cemento biodinamico impiega inoltre l’80% di aggregati riciclati, in parte provenienti dagli sfridi di lavorazione del marmo di Carrara, quindi ecco spiegato il suo elevato grado di brillantezza. La dinamicità del cemento va ricercata nella possibilità di flettersi senza alterare la sua funzionalità e prova ne sono le intricate costruzioni che decorano la sezione esterna del Padiglione Italia.

Dal punto di vista materico, si tratta di un prodotto davvero speciale, che presenta ottime caratteristiche anche per quanto riguarda la lavorazione.

Il cemento biodinamico presenta, infatti, una fluidità tre volte maggiore rispetto alle malte classiche ed è due volte più resistente alla compressione e alla flessione, quindi può essere impiegato anche per realizzare edifici o strutture molto speciali, pur assicurando il top della tenuta e delle performance.

Materiale del futuro? Forse sì, intanto chi desidera ‘toccare con mano’ il cemento può fermarsi ad ammirarlo nel padiglione ExpoItalia, uno dei pochi che probabilmente rimarranno nel luogo anche dopo la conclusione dell’evento.

A proposito di utilizzi del cemento in design ed arredamento di interni, eccovi alcuni approfondimenti in merito:

{ 0 comments }

ELENA

TI E PIACIUTO L' ARTICOLO?